Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 allestimento isotermico per derrate alimentari

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

avatar

Messaggi : 1799
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: allestimento isotermico per derrate alimentari   Gio Ago 14, 2014 11:22 am

L’A.T.P.

A.T.P. = Accord Transport Perissable, che è l'abbreviazione di "Accordi sui trasporti internazionali delle derrate deteriorabili e dei mezzi speciali da utilizzare per questi trasporti".

Il trasferimento di derrate alimentari, in particolare di quelle deperibili, ha sempre posto problemi di conservazione dei carichi che, proprio nella fase del trasporto, incontrano uno dei punti più deboli della catena del freddo. L’ATP è il frutto di un accordo europeo sottoscritto nel 1970 da alcuni Stati europei, tra i quali l’Italia, che regolamenta le tecniche costruttive degli allestimenti isotermici e refrigerati destinati al trasporto di prodotti alimentari deperibili. Con l’introduzione della regolamentazione ATP vi è stato un notevole miglioramento delle prestazioni isotermiche e frigorifere.

Dal 1977 l’ATP ha assunto carattere di Legge dello Stato e nel settembre 1984 è stata assegnata la competenza degli aspetti tecnici e termici al Ministero dei Trasporti e della Navigazione, verificati in fase di collaudo dagli Uffici Provinciali M.C.T.C., mentre la competenza degli aspetti igienico-sanitari è stata assegnata al Ministero della Sanità, verificati dalle A.S.L..

La normativa internazionale ATP è stata chiarita nel nostro Paese inizialmente dalla circolare ministeriale 118/80, modificata negli anni successivi con l’introduzione di ulteriori circolari. Con il Decreto Legislativo 30.04.1992 n° 285 sono state abrogate le norme precedenti ed introdotte le norme attualmente in vigore.

L’accordo ATP contempla pure le prescrizioni, in fatto di temperature, alle quali devono essere trasportate le singole derrate che hanno necessità di mantenimento di ben definiti regimi di temperatura. Queste prescrizioni sono in armonia con i limiti fissati dal Ministero della Sanità (D.P.R. n° 327/1980 e D.M. 12.10.81).

Le sigle di riconoscimento, riportate sulle fiancate degli autoveicoli e/o sulle targhette di omologazione ad essi applicate, in base alla classificazione ATP frutto di specifiche relazioni matematiche fra il coefficiente di isolamento termico della struttura isotermica e le potenze dell’apparato frigorifero, corrispondono a ben definite caratteristiche che identificano il tipo specifico di struttura adatta al mantenimento della temperatura prescritta per il trasporto di derrate alimentari deperibili, il cui significato teorico dovrebbe assumere particolare rilievo anche ai fini del rilascio dell’autorizzazione sanitaria.

Classi ATP fondamentali
Sigla ATP
Classificazione
Temperatura di esercizio
IN
Isotermica Normale
-----
IR
Isotermica Rinforzata
-----
FNA
Frigorifera Normale Classe A
12°C/0°C
FRA
Frigorifera Rinforzata Classe A
12°C/0°C
FRB
Frigorifera Rinforzata Classe B
12°C/-10°C
FRC
Frigorifera Rinforzata Classe C
12°C/-20°C
RNA
Refrigerata Normale Classe A
12°C/0°C
RRA
Refrigerata Rinforzata Classe A
12°C/0°C
RRB
Refrigerata Rinforzata Classe B
12°C/-10°C
RRC
Refrigerata Rinforzata Classe C
12°C/-20°C
Ciascun mezzo omologato ATP viene pertanto classificato in una delle seguenti categorie:

• Isotermici (carrozzerie provviste di isolamento termico e perciò in grado di mantenere la temperatura nella cella riducendo la dispersione termica, contrassegni IN ed IR)

• Frigoriferi (carrozzerie isotermiche normali o rinforzate provviste di unità refrigeranti in grado di conservare le temperatura in un ambito prestabilito, contrassegni FNx ed FRx)

• Refrigerati (veicoli provvisti di apparecchiature -di solito piastre eutettiche- in grado di accumulare freddo e di conservare la temperatura nella cella per un certo periodo di tempo, contrassegni RNx ed RRx)

• Caloriferi (carrozzerie isotermiche dotate di dispositivo di riscaldamento provvisti delle sigle CNA, CRA e CRB non indicate in tabella)

• Coibentati (in realtà questi ultimi sono regolati in ciascun ambito nazionale e non compresi negli accordi ATP originari. In Italia non sono omologabili per temperature inferiori allo zero ed hanno limiti di dimensioni della cella e del mezzo. Fino alla circolare del Ministero dei Trasporti n.41/96 del 23/03/1996 venivano contraddistinti dall'anteposizione del suffisso "CO" alla sigla specifica. In realtà tra la circolare e l'applicazione della stessa sono trascorsi alcuni anni, ragion per cui anche in anni abbastanza recenti sono stati ancora omologati veicoli contrassegnati dalle sigle COIN, COIR, COFNA e COFRA.)

Gli allestimenti isotermici sono soggetti ad omologazione da parte del Ministero dei Trasporti e della Navigazione. Perciò il costruttore, in fase di collaudo presso l’Ufficio Provinciale M.C.T.C., produce un certificato di conformità relativo alla struttura isotermica ed uno relativo al gruppo frigorifero che, unitamente al certificato di conformità dell’automezzo fattogli pervenire dal Concessionario, concorrono alla compilazione del certificato di approvazione ed al rilascio dell’attestato ATP. Al Concessionario verrà restituita una busta, che dovrà essere mantenuta sempre chiusa, contenente tutti i documenti appena citati, che utilizzerà per l’immatricolazione. All’utilizzatore finale verrà consegnata la carta di circolazione, che conterrà la dicitura "trasporto specifico di derrate alimentari deperibili", unitamente all’attestazione ATP.

L’attestazione ATP ha una validità complessiva di dodici anni ed è soggetta a rinnovo dopo sei anni dalla data di rilascio e successivamente ogni tre anni (da effettuarsi presso le stazioni di prova abilitate).

Cos'è l'A.T.P.
L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata
di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana.

A.T.P. = Accord Transport Perissable, che è l'abbreviazione di "Accordi sui trasporti internazionali delle derrate deteriorabili e dei mezzi speciali da utilizzare per questi trasporti".

La normativa ATP è il risultato di un accordo europeo sottoscritto nel 1970, da alcuni Stati , tra i quali l’Italia, che impone determinate regole nella costruzione degli allestimenti isotermici per i trasporti frigoriferi refrigerati destinati al trasporto di alimenti deperibili a temperatura controllata, e determinate prescrizioni per gli utilizzatori.

Assume carattere legislativo nel 1977 e, dal settembre 1984 viene assegnata la competenza al Ministero dei Trasporti e della Navigazione, il quale provvederà alle verifiche tecniche di collaudo tramite gli Uffici Provinciali M.C.T.C., l'aspetto igienico sanitario rimane di esclusiva competenza del Ministero della Sanità, tramite le A.S.L..

La norma ATP prescrive i tipi di alimenti deperibili da trasportare in regime di temperatura controllata e le temperature alle quali devono essere effettuati i trasporti frigoriferi e refrigerati, questi limiti sono in sintonia con quelli fissati dal Ministero della Sanità (D.P.R. n° 327/1980 e D.M. 12.10.81)


L’A.T.P.

Il trasferimento di derrate alimentari, in particolare di quelle deperibili, ha sempre posto problemi di conservazione dei carichi che, proprio nella fase del trasporto, incontrano uno dei punti più deboli della catena del freddo. L’ATP è il frutto di un accordo europeo sottoscritto nel 1970 da alcuni Stati europei, tra i quali l’Italia, che regolamenta le tecniche costruttive degli allestimenti isotermici e refrigerati destinati al trasporto di prodotti alimentari deperibili. Con l’introduzione della regolamentazione ATP vi è stato un notevole miglioramento delle prestazioni isotermiche e frigorifere.

Dal 1977 l’ATP ha assunto carattere di Legge dello Stato e nel settembre 1984 è stata assegnata la competenza degli aspetti tecnici e termici al Ministero dei Trasporti e della Navigazione, verificati in fase di collaudo dagli Uffici Provinciali M.C.T.C., mentre la competenza degli aspetti igienico-sanitari è stata assegnata al Ministero della Sanità, verificati dalle A.S.L..

La normativa internazionale ATP è stata chiarita nel nostro Paese inizialmente dalla circolare ministeriale 118/80, modificata negli anni successivi con l’introduzione di ulteriori circolari. Con il Decreto Legislativo 30.04.1992 n° 285 sono state abrogate le norme precedenti ed introdotte le norme attualmente in vigore.

L’accordo ATP contempla pure le prescrizioni, in fatto di temperature, alle quali devono essere trasportate le singole derrate che hanno necessità di mantenimento di ben definiti regimi di temperatura. Queste prescrizioni sono in armonia con i limiti fissati dal Ministero della Sanità (D.P.R. n° 327/1980 e D.M. 12.10.81).

Le sigle di riconoscimento, riportate sulle fiancate degli autoveicoli e/o sulle targhette di omologazione ad essi applicate, in base alla classificazione ATP frutto di specifiche relazioni matematiche fra il coefficiente di isolamento termico della struttura isotermica e le potenze dell’apparato frigorifero, corrispondono a ben definite caratteristiche che identificano il tipo specifico di struttura adatta al mantenimento della temperatura prescritta per il trasporto di derrate alimentari deperibili, il cui significato teorico dovrebbe assumere particolare rilievo anche ai fini del rilascio dell’autorizzazione sanitaria.

Classi ATP fondamentali:

IN: struttura isotermica normale non refrigerata (valore del coefficiente di trasmissione termica K compreso fra 0,4 e 0,7);

IR: struttura isotermica rinforzata non refrigerata (valore del coefficiente di trasmissione termica K minore di 0,4)

FNA: struttura isotermica normale e refrigerata per il raggiungimento di una temperatura minima di 0°C (prodotti alimentari freschi);

FRA: struttura isotermica rinforzata e refrigerata per il raggiungimento di una temperatura minima di 0°C (prodotti alimentari freschi);

FRB: struttura isotermica rinforzata e refrigerata per il raggiungimento di una temperatura minima di -10°C (prodotti alimentari congelati);

FRC: struttura isotermica rinforzata e refrigerata per il raggiungimento di una temperatura minima di -20°C (prodotti alimentari surgelati);

Gli allestimenti isotermici sono soggetti ad omologazione da parte del Ministero dei Trasporti e della Navigazione. Perciò il costruttore, in fase di collaudo presso l’Ufficio Provinciale M.C.T.C., produce un certificato di conformità relativo alla struttura isotermica ed uno relativo al gruppo frigorifero che, unitamente al certificato di conformità dell’automezzo fattogli pervenire dal Concessionario, concorrono alla compilazione del certificato di approvazione ed al rilascio dell’attestato ATP. Al Concessionario verrà restituita una busta, che dovrà essere mantenuta sempre chiusa, contenente tutti i documenti appena citati, che utilizzerà per l’immatricolazione. All’utilizzatore finale verrà consegnata la carta di circolazione, che conterrà la dicitura "trasporto specifico di derrate alimentari deperibili", unitamente all’attestazione ATP.

L’attestazione ATP ha una validità complessiva di dodici anni ed è soggetta a rinnovo dopo sei anni dalla data di rilascio e successivamente ogni tre anni (da effettuarsi presso le stazioni di prova abilitate).



IL TRASPORTO DI ALIMENTI

Il trasporto di qualunque tipologia di prodotto alimentare deve avvenire con mezzi igienicamente idonei che assicurino una adeguata protezione degli alimenti evitando contaminazioni da agenti atmosferici e da fattori ambientali.

In nessun caso è consentito utilizzare mezzi di trasporto per prodotti alimentari che presentino scarse condizioni di pulizia o caratteristiche tali che vi sia la possibilità di inquinare gli alimenti trasportati.

Al fine della tutela della salute pubblica devono essere sottoposti a preventiva autorizzazione sanitaria (articolo 44 D.P.R. 327/80):

1. Le cisterne ed altri contenitori adibiti al trasporto delle sostanze alimentari sfuse a mezzo di veicoli;

2. I veicoli adibiti al trasporto di alimenti surgelati per la distribuzione ai dettaglianti

3. I veicoli adibiti al trasporto delle carni e dei prodotti della pesca sia freschi che congelati.

I veicoli adibiti al trasporto vengono autorizzati dalla massima autorità sanitaria, che è individuata nel Sindaco del comune dove l'attività ha sede legale, che la svolge attraverso il Dipartimento di Prevenzione della Azienda U.S.L. competente per territorio ed in particolare tramite il Servizio di Igiene Pubblica o Servizio Veterinario.







DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

Le domande di autorizzazione sanitaria dei veicoli devono obbligatoriamente contenere alcune informazioni, previste dall'articolo 45 del D.P.R. 327/80, quali il nome o la ragione sociale della ditta comprensiva di sede legale, gli estremi identificativi del veicolo, la tipologia delle sostanza alimentari al cui trasporto si intende destinare il veicolo o la sede, o sedi, dove la ditta intende svolgere le operazioni di lavaggio, disinfezione, e disinfestazione del mezzo.

Se la tipologia del trasporto effettuato prevede che gli alimenti vengano a contatto diretto con l'automezzo, alla domanda di autorizzazione è necessario allegare una dichiarazione della ditta costruttrice che attesti che i materiali impiegati per la costruzione del vano di trasporto degli alimenti sono conformi ai requisiti di legge (attualmente dichiarazione di conformità secondo norme ATP).

La validità dell'autorizzazione sanitaria dei veicoli adibiti al trasporto di alimenti ha una durata biennale dalla data del rilascio. Alla scadenza il titolare dell'autorizzazione dovrà provvedere al rinnovo previa la presentazione di una semplice domanda indirizzata all'autorità sanitaria competente che ha rilasciato il documento autorizzativo.

Eventuali variazioni del nome e della ragione sociale dell'impresa comportano invece l'aggiornamento, sempre da parte dell'autorità sanitaria competente, dell'autorizzazione precedentemente rilasciata.

I veicoli utilizzati per trasportare alimenti non possono in nessun caso essere adibiti al trasporto di sostanza, alimentari o non, differenti da quelle indicate nell'autorizzazione sanitaria rilasciata.



REQUISITI IGIENICO - SANITARI DEI MEZZI DI TRASPORTO

L'attuale normativa sanitaria prevede che il trasporto di qualunque tipologia di prodotto alimentare debba avvenire con mezzi igienicamente idonei che assicurino una adeguata protezione degli alimenti evitando contaminazioni da agenti atmosferici e da fattori ambientali.

Viene classificata igienicamente idonea la cisterna o il contenitore il cui rivestimento interno è realizzato con materiale resistente alla corrosione che non rilasci sostanze chimiche che possano contaminare l'alimento, cedere sapori o rendere nocivo l'alimento.

Nella scelta del materiale di costruzione si deve tenere conto che le cisterne sono soggette a periodica pulizia e quindi esposte a sostanze detergenti che non devono determinare il rilascio di inquinanti.

Le cisterne ed i contenitori devono essere costituiti da serbatoi ad unico o più scompartimenti con pareti interne lisce ed angoli e spigoli smussati in modo che le operazioni di pulizia possano essere svolte senza difficoltà e che l'acqua utilizzata per il lavaggio (obbligatoriamente potabile) defluisca senza ristagnare.

Dopo ogni scarico e precedentemente al nuovo carico si dovrà provvedere alla pulizia e sanificazione delle cisterne e degli attacchi utilizzati per l'ingresso e l'uscita delle sostanze alimentari.

Di fondamentale importanza è la protezione termica della cisterna qualora sia adibita al trasporto di sostanze alimentari deperibili e guarnizioni dei portelli a tenuta stagna.

Nel caso di cisterne asportabili o intercambiabili un contrassegno metallico fisso deve recare gli estremi dell'autorizzazione sanitaria.

I vani di carico dei veicoli utilizzati per il trasporto di carne o pesce devono possedere un'idonea coinbentazione che isoli termicamente i prodotti trasportati dall'esterno.

Tale coinbentazione deve essere realizzata con materiali resistenti alla corrosione e con superficie interna liscia e di facile pulizia e disinfezione. La chiusura del vano deve essere ermetica e le pareti con angoli e spigoli arrotondati.

Qualora venga effettuato il trasporto di mezzene e quarti il vano di carico deve essere munito di dispositivi di sospensione, anch'essi realizzati con materiali resistenti alla corrosione, collocati ad altezze tali da garantire che la carne non tocchi il pavimento.

Non è consentito il trasporto contemporaneo di carne ed altra tipologia di prodotto alimentare a meno che non si tratti di carni confezionate collocate in appositi contenitori o imballaggi.

I veicoli utilizzati per trasportare i prodotti della pesca devono essere costituiti in moda da evitare il ristagno di acqua sul pavimento e con caratteristiche che consentano all'acqua che si sviluppa dalla fusione del ghiaccio di defluire in contenitori di raccolta.

Nel caso di veicoli adibiti al trasporto di carni o pesce la pulizia e la disinfezione deve avvenire subito dopo che lo scarico della merce è stato ultimato.

I vani di carico dei mezzi di trasporto di sostanze alimentari surgelate devono possedere un idonea protezione coibente che isoli termicamente i prodotti trasportati dall'esterno in modo da garantire, durante tutto il trasporto, che la temperatura interna rispetti i valori stabiliti.

Come per il trasporto di carni la coibentazione è realizzata con materiali resistenti alla corrosione e superficie interna liscia che faciliti il compito di pulizia e disinfezione.

Il sistema di chiusura del carico dovrà essere sempre efficiente e del tipo ermetico, dovranno inoltre essere presenti apparecchi di refrigerazione che consentano di mantenere le condizioni di temperature uniformi e stabili nel tempo.

I mezzi di trasporto di alimenti surgelati e refrigerati devono essere dotati di un termometro. installato esternamente alla cella di carico, che dovrà segnalare in continuo la temperatura rilevata all'interno del vano. Dovrà inoltre essere presente un termoregistratore che registri la temperatura dell'aria interna alla cella con cadenze inferiori a 20 minuti. I dati registrati dovranno essere conservati presso la sede della ditta destinataria della merce per almeno 1 anno.

Il sistema di termoregistrazione, introdotto dal D.Lgs. 110/92 e dal D.M. 493/95, deve essere installato, per i mezzi già in servizio alla data di entrata in vigore dei decreti, entro il 13/02/99.

Va infine specificato che i mezzi di trasporto di alimenti a temperatura controllata devono rispondere alle disposizioni ATP al fine di essere autorizzati al trasporto in ambito nazionale ed all'interno degli stati internazionali che hanno sottoscritto l'accordo.

Secondo tale norma i mezzi di trasporto possono essere classificati isotermici, refrigerati, frigoriferi, caloriferi a seconda delle caratteristiche costruttive di isolamento termico ed in funzione delle possibili temperature alle quale possono mantenere il vano di carico.

La norma prevede inoltre una specifica segnaletica identificativa da applicare ai mezzi di trasporto ATP che è in funzione della classificazione del veicolo.

Se durante un'ispezione del mezzo di trasporto degli alimenti l'organo di vigilanza rileva che le sostanze alimentari non rispondono ai requisiti di legge o il vano di carico presenti evidenti tracce di insudiciamento e contaminazione da agenti esterni ne può disporre il sequestro avviando le procedure di campionamento ed analisi delle sostanze.

Le temperature da rispettare e garantire durante il trasporto di prodotti alimentari sono stabilite per legge e riguardano alimenti allo stato surgelato e congelato o allo stato refrigerato.



TABELLA 1

Temperature che debbono essere rispettate durante il trasporto di sostanze alimentari congelate e surgelate.

SOSTANZE ALIMENTARI

Temperatura massima al momento del carico e durante il trasporto

Rialzo termico tollerabile per periodo di breve durata

Gelati alla frutta e succhi di frutta congelati

-10°C

+3°C

Altri gelati

-15°C

+3°C

Prodotti della pesca congelati o surgelati

-18°C

+3°C

Altre sostanze alimentari surgelate

-18°C

+3°C

Burro o altre sostanze grasse congelate

-10°C

+3°C

Frattaglie, uova sgusciate, pollame e selvaggina congelata

-10°C

+3°C

Carni congelate

-10°C

+3°C

Tutte le altre sostanze alimentari congelate

-10°C

+3°C

TABELLA 2

Temperature che debbono essere rispettate durante il trasporto di sostanze alimentari non congelate ne surgelate

SOSTANZE ALIMENTARI

TEMPERATURA DURANTE IL TRASPORTO

Latte crudo trasportato in cisterna o bidoni dalle aziende di produzione ai centri di raccolta ovvero direttamente agli stabilimenti di trattamento termico e confezionamento per il consumo diretto

+8°C

Latte crudo trasportato in cisterna dai centri di raccolta agli stabilimenti di trattamento termico e confezionamento per il consumo diretto (1)

Da 0°C a +4°C (2)

Latte pastorizzato trasportato in cisterna da uno stabilimento di trattamento termico ad un altro stabilimento di trattamento termico e confezionamento per il consumo diretto (1)

Da 0°C a +4°C (2)

Latte pastorizzato in confezioni (3)

Da 0°C a +4°C

Prodotti lattiero caseari (latti fermentati, panna o crema di latte, formaggi freschi, ricotta) (3)

Da 0°C a +4°C

Burro (3) e burro concentrato (anidro) (4)

Da 1°C a +6°C

Burro anidro liquido

Superiore a 32°C

Prodotti della pesca freschi (da trasportare sempre sotto ghiaccio)

Da 0°C a +4°C

Carni (3)

Da -1°C a +7°C

Pollame e conigli (3)

Da -1°C a +4°C

Selvaggina (3)

Da -1°C a +3°C

Frattaglie (3)

Da -1°C a +3°C

Molluschi eduli lamellibranchi, in confezione, compresi quelli sgusciati appartenenti al genere "Chlamys" (canestrelli) e "Pecten" (cappe sante)

+6°C (5)

NOTE ALLA TABELLA 2

1) Per percorsi superiori ai 300 Km sono richiesti mezzi isotermici (IN ovvero IR)

2) Per percorsi superiori ai 200 Km è tollerato, rispetto al valore prescritto nel presente allegato, un aumento massimo di temperatura di +2°C

3) Durante il tempo di distribuzione frazionata , da effettuarsi con mezzi aventi caratteristiche tecnico costruttive idonee per il trasporto in regime di freddo, che comporti ai fini della consegna agli esercizi di vendita numerose operazioni di apertura delle porte dei mezzi stessi, ferme restando in ogni caso le temperature di partenza fissate nel presente allegato, sono tollerabili i seguenti valori massimi di temperatura:



ALIMENTI

TEMPERATURE MASSIME

Latte pastorizzato in confezioni

+9°C

Panna o crema di latte pastorizzata, in confezioni

+9°C

Ricotta

+9°C

Burro prodotto con crema di latte pastorizzata

+14°C

Yogurt ed altri latti fermentati, in confezioni

+14°C

Formaggi freschi (mascarpone e similari, mozzarelle di vacca o di bufala e similari, caprini non stagionati, crescenza, formaggi a prevalente coagulazione lattica od Acido-presamica ad elevato tenore di umidità e di pronto consumo, quali robiola, petit suisse, cottage cheese, quark...) purché prodotti con latte pastorizzato

+14°C

Carni

+10°C

Pollame e conigli

+8°C

Selvaggina

+8°C

Frattaglie

+8°C



Il valore massimo di temperatura indicato per le carni (bovine, bufaline, suine, ovine e caprine), tuttavia non è vincolante per il trasporto, in fase di distribuzione o ai depositi frigoriferi, di durata non superiore a 2 ore, di quelle appena macellate in macelli autorizzati e non ancora raffreddate, semprechè il trasporto stesso non avvenga con veicoli rispondenti ai requisiti di idoneità igienico sanitaria prescritti dall'articolo 49 del D.P.R. 327/80 che risultino almeno isotermici.

4) Il burro concentrato può essere trasportato anche a temperatura da +6°C a +18°c

5) La temperatura da osservarsi durante il trasporto dei molluschi eduli è prevista dagli articoli 4 e 5 del D.M. 4 Ottobre 1978


 afro flower 
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
carena



Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 03.02.17

MessaggioTitolo: Rinnovo certificato Atp classe FRC   Ven Feb 03, 2017 9:51 pm

Buongiorno, sto acquistando un furgone per trasporto alimentari surgelati (FRC). E' un Iveco Daily con cella isotermica immatricolato nel 2008, l'ATP scade nel 2017, vorrei sapere se è ancora possibile il rinnovo del certificato mantenendo la stessa classe (FRC). C'è qualcuno che sa indicarmi dove posso rivolgermi per questo tipo di rinnovi? Ho chiesto ad alcune carrozzerie, ma ognuno ha una versione differente, vorrei fare un pò di chiarezza per capire se mi conviene acquistare il veicolo o lasciare perdere e cercarne uno più recente. Grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1799
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Rinnovo Atp   Sab Feb 04, 2017 10:39 am

l rinnovo della certificazione Atp avviene presso i centri di collaudo Atp. Il rinnovo può essere effettuato per due volte e ha una durate di 3 anni. I centri di collaudo dove richiedere il rinnovo sono presenti su tutta la penisola. Può trattarsi di centri specifici tuttavia può bastare anche il parere di un esperto. In effetti molte carrozzerie isotermiche o officine per l’assistenza dei gruppi frigoriferi sono autorizzati ad effettuare il collaudo secondo le modalità richieste per il rinnovo del certificato Atp.

Quando ci si rivolge ad un centro per il rinnovo Atp bisogna esibire:

l’originale dell’attestato Atp scaduto. In caso di smarrimento deve essere sostituito da un copia della denuncia
la carta di circolazione del veicolo nonostante l’attestato Atp sia considerato parte di questo documento
Per ottenere il rinnovo dell’attestazione è indispensabile che la carrozzeria isotermica e tutta l’attrezzatura necessaria al controllo e al mantenimento della temperatura siano conservate in buono stato. In caso di modifiche dell’attrezzatura isotermica, queste non devono alterare la potenza frigorifera del mezzo. Perciò ti consigliamo di ripristinare tutte le condizioni del produttore operando una revisione del gruppo frigorifero e riparando tutte le inefficienze dovute all’usura o all’anzianità dei veicolo.

Dopo la scadenza definitiva del certificato Atp, dopo 12 anni dal primo rilascio, i veicoli devono essere sottoposti alla revisione presso i centri di prova Atp. Alla stessa procedura vengono sottoposti i veicoli che hanno superato la seconda scadenza (dopo 9 anni dal primo rilascio) e rischiano di essere declassati. Questo rinnovo dura 6 anni.

I Centri Prova Atp effettuano il rinnovo del certificato Atp alla terza scadenza per i veicoli di classe IN e FNA (dopo 12 anni dalla data del primo rilascio), oppure alla seconda scadenza (dopo 9 anni dalla data del primo rilascio) per i veicoli di classe FRC e RRC (che altrimenti vengono declassati alla classe FNA).

Il veicolo viene sottoposto ad un collaudo; se l’esito di tale collaudo è positivo, il certificato Atp viene rinnovato per ulteriori 6 anni.

Ti potrebbe interessare
Se devi vendere un furgone frigorifero o sei alla ricerca di un veicolo commerciale coibentato, visita le sezioni del nostro sito alla ricerca del camion refrigerato più adatto alle tue necessità, troverai tutte le informazioni giuste per indirizzare correttamente la tua scelta.

http://www.furgonefrigo.it/atp-normativa/

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1799
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Re: allestimento isotermico per derrate alimentari   Sab Feb 04, 2017 10:44 am

Durata e rinnovo A.T.P. - per Camion, furgoni, autocarri e veicoli.

NORMATIVA della Durata atp per veicoli refrigerati, frigo e coibentati.


Durata e rinnovo A.T.P. - per Camion, furgoni, autocarri e veicoli.
Durata A.T.P.


6+3+3
Dalla data del primo rilascio il certificato A.T.P. ha una validità di 6 anni.
Ai 6 anni il rinnovo viene effetuato tramite i centri collaudo per altri 3 anni.
Ai 9 anni il rinnovo viene effetuato tramite i centri collaudo per altri 3 anni.

Raggiunti i 12 anni di vita, il rinnovo dell' attestato A.T.P. non è più di competenza dei centri collaudi ma bensì dei centri prova, questo rinnovo ha una durata di 6 anni.

attenzione: tutti i veicoli con classificazione FRB - FRC- RRC (praticamente con classe di trasporto sotto lo 0°C), verranno al 2° collaudo (quello dei 9 anni) obbligatoriamente declassati al trasporto di prodotti freschi fino a 0°C; quindi l'utilizzatore che al 9° anno volesse mantenere per il suo veicolo la classificazione FRB - FRC- RRC può rivolgersi per il collaudo A.T.P. ai centri prova.

Rinnovo A.T.

Potete effettuare i rinnovi A.T.P. fino a 6 mesi prima della sua scadenza senza perdere la sua validità.

per il rinnovo bisogna fornire semplicemente:

l'originale del certificato A.T.P. in scadenza, se smarrito la denuncia con una eventuale copia dell'A.T.P.;
copia della carta di circolazione;
N.B.: l'A.T.P. è parte integrante della carta di circolazione e ne determina la scadenza.
Con A.T.P. scaduto è prevista la sanzione accessoria art. 216 comma 1 del ritiro della carta di circolazione, + art. 80 comma 14 con la relativa sanzione.
Per effettuare il rinnovo dell' attestazione A.T.P. bisogna in primo luogo che il mezzo sia mantenuto in buono stato come previsto al punto 7 dell' attestato A.T.P., che riportiamo di seguito:

7. Questo attestato è valevole fino al : (6) 24.11.2006
7.1 a condizione:
7.1.1 che la carrozzeria isotermica e ove occorra, l'attrezzatura termica sia mantenuta in buono stato;
7.1.2 che l'attrezzatura termica non subisca alcuna modifica;
7.1.3 che in caso di sostituzione dell'attrezzatura termica con un'altra, quest'ultima abbia potenza frigorifera uguale o superiore.

Quindi è norma essenziale, per il collaudo A.T.P. ripristinare il furgone isotermico ove vi fossero delle rotture dovute all'uso, ed effettuare una revisione al gruppo frigorifero.

facci sapere

http://www.trasportiatp.it/normativa/durata-rinnovo-atp.html


Descrizione generale
L’A.T.P. è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi o refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all’alimentazione umana.

A.T.P. = Accord Transport Perissable è l’abbreviazione di “Accordi sui trasporti internazionali delle derrate deteriorabili e dei mezzi speciali da utilizzare per questi trasporti.

La normativa A.T.P. è il risultato di un accordo europeo sottoscritto da alcuni Stati, tra i quali l’Italia, che impone determinate regole nella costruzione degli allestimenti isotermici di veicoli per i trasporti refrigerati destinati al trasporto di alimenti deperibili a temperatura controllata e determinate prescrizioni per gli utilizzatori.

La norma ATP prescrive i tipi di alimenti deperibili da trasportare in regime di temperatura controllata e le temperature alle quali devono essere effettuati i trasporti frigoriferi e refrigerati.

Le sostanze deperibili destinate all’alimentazione umana da trasportare in regime di temperatura controllata A.T.P. sono le seguenti:

latte alimentare e i suoi derivati,
carni fresche e congelate,
prodotti ittici freschi,
tutti gli alimenti congelati e surgelati (gelati, succhi di frutta ecc).
Presupposti d'accesso
Il verbale di collaudo ovvero la documentazione tecnica A.T.P. viene rilasciata e rinnavta solamente presso i centri specializzati autorizzati.
Scadenze
Durata e rinnovo dell’attestazione A.T.P.:

dalla data del primo rilascio l’attestazione A.T.P. ha una validità di 6 anni,
dopo i 6 anni il rinnovo viene effettuato tramite i centri di collaudo per altri 3 anni,
dopo i 9 anni il rinnovo viene effettuato tramite i centri di collaudo per altri 3 anni.
Raggiunti i 12 anni di vita il rinnovo dell’A.T.P. non è più di competenza dei centri di collaudo ma bensì dei centri prova, questo rinnovo ha una durata di 6 anni.

Documenti richiesti
modello TT 2119/BZ – il proprietario deve compilare e firmare la richiesta,
verbale di collaudo rilasciato da un centro prove specializzato.
Costi
Spese per la richiesta dell’attestazione A.T.P.:

diritti di segreteria: Euro 9,00,
imposta di bollo: Euro 32,00.
Pagabili allo sportello del servizio sportelli della ripartizione mobitilitàm, via Renon 12, 39100 Bolzano in contanti o con bancomat.

Normativa
accordo ATP concluso a Ginevra il 1° settembre 1970, entrato in vigore il 21 novembre 1976,
legge 2 maggio 1977, n. 264,
circolare del Ministero dei trasporti del 18 maggio 2001, n. 793,
decreto Ministeriale del 28 febbraio 1984,
decreto Presidente della Repubblica 29 maggio 1979, n. 404.
Altre informazioni
Trasporti ATP

spero ti siamo stati utili facci sapere cosa hai deciso, magari se ci dici da dove scivi potremo essere + esaustivi, alla prossima
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: allestimento isotermico per derrate alimentari   

Tornare in alto Andare in basso
 
allestimento isotermico per derrate alimentari
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» creme grasse alimentari sotto tiro.... era ora
» [MEGATHREAD] Interni allestimento Dynamic
» Islanda - Scorte alimentari
» Quale Allestimento avete scelto?
» "ecco il mio amore unico!" in fase di allestimento!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: In pausa... :: Garage-
Andare verso: