Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 definizione di trasporto

Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

avatar

Messaggi : 2109
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: definizione di trasporto   Gio Ago 14, 2014 6:52 pm

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro. Il vocabolo deriva dalla lingua latina trans (che significa attraverso) e portare.

Il termine viene utilizzato anche al plurale per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi (ferroviario, stradale, navale o aereo) dei diversi veicoli, il sistema più comune e sensibile all'opinione pubblica[senza fonte] è quello su strada, ed i mezzi interessati di maggiore interesse sono gli autoveicoli e autocarri.

Il settore dei trasporti presenta diversi aspetti: può essere diviso nelle tre branche infrastrutture, veicoli, gestione.

Le infrastrutture comprendono tutta la rete di trasporto (strade, autostrade, ferrovie, canali, condotte, etc.), ed anche i nodi e i terminali (quali ad esempio aeroporti, stazioni ferroviarie, interporti, fermate d'autobus e porti). Generalmente, il progetto della rete è di competenza dell'ingegneria dei trasporti, dell'ingegneria civile e dell'urbanistica.
I veicoli quali gli autoveicoli, i motoveicoli e i treni, che viaggiano generalmente su una rete specificatamente a loro designata, gli aerei e le navi che seguono rotte aeree e rotte navali. Il progetto dei veicoli coinvolge l'ingegneria meccanica con le sue specializzazioni: ingegneria nautica, ingegneria aerospaziale e ingegneria ferroviaria.
La gestione, di competenza dell'ingegneria dei trasporti e dell'ingegneria dei sistemi è finalizzata alla ricerca del miglior funzionamento dell'intero sistema trasporti e dei suoi componenti, attraverso gli studi su controllo e sicurezza (segnali stradali, scambi ferroviari, controlli dei voli) nonché alla ricerca della miglior politica di autofinanziamento, tramite ad esempio pedaggi autostradali o tasse sui carburanti.

modi sono determinati dalla combinazione di reti, veicoli e funzionamento, e consistono ad esempio nel camminare, l'andare in bicicletta, l'andare in automobile, con un treno, con una nave o con un aeroplano.[non chiaro]

I modi si classificano anche in individuali o collettivi, a seconda se siano utilizzabili da uno/poche o molte persone contemporaneamente. Infine, si distinguono i modi pubblici (accessibili ed utilizzabili da tutti) dai modi privati.

Traino animale (Non motorizzato)
Traino umano (Non motorizzato)
Trasporto su strada (Motorizzato)
Trasporto fuori strada (Motorizzato)
Trasporto a fune
Trasporto ibrido
Trasporto in condotte o tubazioni
Aviazione
Trasporto ferroviario
Trasporto navale, o marittimo.
Trasporto fluviale
Trasporto spaziale
Trasporto pubblico
Ipotesi di trasporto futuro
Transito veloce personale (

Traino animale (Non motorizzato)
Traino umano (Non motorizzato)
Trasporto su strada (Motorizzato)
Trasporto fuori strada (Motorizzato)
Trasporto a fune
Trasporto ibrido
Trasporto in condotte o tubazioni
Aviazione
Trasporto ferroviario
Trasporto navale, o marittimo.
Trasporto fluviale
Trasporto spaziale
Trasporto pubblico
Ipotesi di trasporto futuro
Transito veloce personale (

Combustibili meno inquinanti[modifica | modifica sorgente]
I combustibili a bassa emissione possono ridurre l'inquinamento: i più popolari e diffusi sono il GPL (gas di petrolio liquefatto) ed il metano. I veicoli a motore elettrico hanno emissioni dirette nulle, ma finora presentano forti limiti principalmente nell'autonomia: il limite è dovuto basso rapporto energia/massa delle batterie, la ricerca è indirizzata nell'utilizzo di materiali più leggeri. Inoltre le batterie hanno bassi valori di densità di potenza, ovvero a parità di peso le batteria forniscono poca potenza elettrica; al tal proposito sono allo studio dei supercondensatori per complementare il sistema. Il motore a cella a combustibile, che consuma idrogeno (ma anche metano o biogas, etc.), ha emissioni quasi nulle nel luogo in cui viene usato. L'idrogeno però non è una fonte di energia ma un vettore energetico e la sua produzione ricorre a processi inquinanti come il reforming di combustibili fossili o al consumo di altra energia, ad esempio energia elettrica con il processo di elettrolisi: un escamotage (al momento molto costoso). Al momento la cella ad idrogeno risulta comunque poco diffusa e rimane acceso il dibattito sull'efficienza dell'eventuale ciclo dell'idrogeno su cui si baserebbero tutti gli aspetti della produzione, distribuzione e consumo di questo gas.

Miglioramenti dell'efficienza dei veicoli[modifica | modifica sorgente]
Un'altra strategia è quella di rendere i veicoli più efficienti, riducendo i consumi di energia, e proporzionalmente lo spreco e l'inquinamento.

In alcuni casi, è possibile alimentare un veicolo in tutto o in parte con elettricità, e i motori elettrici sono i più efficienti.

Il veicolo ibrido combina un motore a scoppio con uno elettrico, ottenendo importanti risparmi nei consumi di carburante. Spesso utilizza anche il recupero dell'energia persa in frenata: quando il guidatore frena, l'energia cinetica persa dal veicolo viene usata almeno parzialmente per ricaricare la batteria, invece che dissiparla tutta in calore nei freni.

Le fonte maggiore di perdita energetica degli automezzi convenzionali è dovuta alle irreversibilità del processo termico del motore. Le altre perdite sono dovute all'attrito che si sviluppa durante il movimento, sia viscoso con l'aria sia volvente tra le ruote e la superficie stradale.

Un altro fattore rilevante nel determinare i consumi è il peso del veicolo.

Riduzione del trasporto inquinante
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 2109
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Re: definizione di trasporto   Gio Ago 14, 2014 6:54 pm

Un sistema di trasporto può essere definito come l’insieme di componenti e di loro reciproche interazioni che determinano la domanda di mobilità fra punti diversi del territorio e l’offerta di servizi per il soddisfacimento di tale domanda.Tutte le componenti di un sistema sociale ed economico localizzate sul territorio interagiscono tra loro con diversi livelli di intensità; è però evidente che se per rappresentare e simulare un qualunque sistema di trasporto si dovesse tenere in conto della società nel suo complesso si sarebbe nell’impossibilità pratica di operare.
Secondo l’approccio tipico dell’analisi dei sistemi, si isolano gli elementi ritenuti rilevanti per il problema in esame; questi, con le loro relazioni, costituiscono il “sistema di analisi”. Il resto è denominato “sistema esterno” ed è tenuto in conto unicamente attraverso le sue relazioni con il sistema di analisi. In questo caso ci si occupa di un sistema urbano che comunica col sistema esterno tramite gli assi viari maggiori. Il sistema urbano può a sua volta essere suddiviso in altri sottosistemi, tra cui il “sistema di trasporto” del quale verranno presentate tutte le componenti usate per il questo studio, cominciando dalle principali: domandi di mobilità e offerta di trasporto.

La domanda di mobilità deriva dalla necessità di utilizzare le diverse funzioni urbane ubicate in luoghi diversi ed è determinata dalla distribuzione delle famiglie e delle attività sul territorio. I componenti delle famiglie effettuano “scelte di mobilità” di lungo periodo (possesso della patente, numero di auto, etc.) e “scelte di viaggio” di medio-breve periodo (frequenza, orario, destinazione, modo, percorso, etc.) e
utilizzano il sistema di offerta di trasporto per svolgere differenti attività (lavorare, studiare, fare acquisti, etc.) in luoghi diversi.
Il risultato di tali scelte è rappresentato dai flussi di domanda, ossia il numero di persone che si spostano tra le diverse zone della città, per diversi motivi, nei diversi periodi della giornata, con i diversi modi di trasporto disponibili. Sia le scelte di mobilità che quelle di viaggio sono influenzate dalle caratteristiche dei servizi di trasporto offerti dai diversi modi (auto, bus, piedi, etc.). Queste caratteristiche, note
come attributi di “livello di servizio” o attributi di prestazione, comprendono tempi di viaggio, costi monetari, affidabilità del servizio, comfort, etc..L’offerta di trasporto è costituita dalle infrastrutture (strade, parcheggi, rete ferroviaria, etc.), dai servizi (linee e orari), dalle regole (norme della circolazione stradale e della sosta , etc.) e dalle tariffe (del trasporto collettivo, della sosta, pedaggi stradali ecc.) che determinano le opportunità di viaggio. Spostarsi da un luogo all’altro richiede in generale l’uso di diverse infrastrutture e servizi connessi.Le infrastrutture hanno una capacità finita oppure possono essere caratterizzate da un flusso massimo che può utilizzarle in un dato intervallo di tempo. Le infrastrutture di trasporto possono, inoltre, essere congestionate, ovvero i costi di trasporto associati alla rete dipendono anche dal numero di utenti presenti sulla rete stessa.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
definizione di trasporto
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Power lifting per definire
» Racchetta e bagaglio a mano
» Diritto a sventaglio e top
» Classifiche 2014
» Trasportare il DR

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: Passion! :: Aziende di trasporto-
Andare verso: