Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 gru carroponti dispositivi di sollevamento

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: gru carroponti dispositivi di sollevamento   Mer Giu 28, 2017 11:21 pm

dispositivo di sollevamento per porti e darsene







ponte sollevatore








Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: gru paranchi dispositivi di sollevamento   Mer Giu 28, 2017 11:37 pm

La funzione della gru è il sollevamento e lo spostamento di merci e materiali, solitamente in presenza di dislivelli, barriere o ostacoli al suolo che rendono difficile o impossibile movimentarle in altro modo. Di solito si usano le gru per coprire distanze più brevi possibile, perché lo spostamento con mezzi di terra è molto più pratico, più veloce e meno rischioso.

La forma più semplice di gru è una carrucola azionata a braccia, fissato in alto ad una trave, con un gancio all'altra estremità della corda in basso. Partendo da questa semplicissima struttura, esistono molti altri tipi diversi di gru:

Gru a cavalletto[modifica | modifica wikitesto]
Hanno funzionamento analogo a quello delle gru a ponte, ma a differenza di quelle, la travatura che ne costituisce il ponte non poggia sulla struttura del capannone, ma su pilastri di acciaio dotati alla loro base di carrelli motorizzati.

Gru a ponte zoppo[modifica | modifica wikitesto]
Sono una via di mezzo tra le gru a ponte e le gru a cavalletto. Il loro ponte scorre da un lato lungo una rotaia poggiante sulla struttura dell'edificio e dall'altro lato su un pilastro di acciaio.

Gru Visita Imperiale[modifica | modifica wikitesto]
Gru per l'accesso e la manutenzione sull'imperiale (tetto-parte superiore) dei rotabili ferroviari. Adatte all'utenza ferroviaria, o più in generale nel settore del trasporto su rotaia. Consentono la manutenzione e l'ispezione dei componenti sulla parte alta del rotabile, creando una condizione di lavoro in sicurezza per gli operatori. Si tratta di attrezzature brevettate.



Gru a portale


Sono le gru inserite in un telaio, spesso a forma di "U" rovesciata, in grado di agganciare un carico dall'alto.



Gru idrauliche[modifica | modifica wikitesto]
Vengono così denominate le gru che vengono installate sugli autocarri. Tali gru sono utilizzate principalmente per la movimentazione (carico e scarico) dei carichi che devono essere trasportati dall'autocarro stesso. Sono dette impropriamente "idrauliche", in effetti sono "oleodinamiche". Questo perché i loro movimenti sono ottenuti per mezzo di martinetti ad azionamento oleodinamico, attivati da un impianto e da una pompa mossa generalmente dal motore dell'autocarro. Le gru per autocarro sono composte generalmente da un basamento dotato di traverse estensibili con martinetti stabilizzatori, da una colonna rotante, da un primo braccio infulcrato alla colonna e da un secondo braccio infulcrato al primo. Il secondo braccio è di tipo telescopico. Alla sua estremità è applicato il carico da sollevare. Alcune gru per autocarro possono essere dotate, come accessorio opzionale, di un terzo braccio telescopico applicato all'estremità del secondo. Le loro capacità di sollevamento vengono rappresentate attraverso diagrammi di carico detti anche targhe di portata. Sono da non confondere con le Autogru: le gru per autocarro sono quelle destinate al sollevamento di ciò che trasportano, mentre non è così per le autogru che non sono progettate per caricare sul mezzo ciò che sollevano.




Le gru si usano in moltissimi ambiti: nell'edilizia, nei trasporti, nelle officine metalmeccaniche, nelle fabbriche. Sono insostituibili nel carico e scarico delle navi nei porti, nei cantieri edili e navali. Esistono gru di ogni forma e dimensione, adatte agli ambienti e agli usi più disparati, capaci di sollevare pesi fino a migliaia di tonnellate.

Norma Europea EN14439
FEM 1.001 (1998)
DIN 15018/19


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Carroponte e dispositivi di sollevamento   Mer Giu 28, 2017 11:38 pm

Il carroponte è una macchina destinata al sollevamento ed allo spostamento di materiali e merci, con movimenti ristretti e confinati, sia all'aperto che al chiuso. Da non confondersi con la gru a portale che scorre su due binari posti diversi metri più in basso del ponte, grazie a quattro braccia.

Il nome stesso restituisce l'idea della composizione elementare della macchina: un argano installato su un carrello o un paranco, ed un ponte costituito da una trave, che può essere di diverse forme e grandezze, dalle più semplici costituite da una putrella (IPE,HEA,...) alle classiche travi a cassone costituite da due lamiere, dette piattabanda superiore e inferiore, e due anime laterali.

La macchina scorre per mezzo di due o quattro testate, imbullonate alle travi, su due binari (vie di corsa) posti alla stessa altezza.

I movimenti tipici sono quello longitudinale del ponte, quello trasversale del carrello, il sollevamento e l'abbassamento del carico effettuato per tramite dell'argano / paranco.

All'argano sono applicate una o più funi le quali, con un sistema di carrucole, rinvii e ganci o altri dispositivi di sollevamento (benne, ganci a C...) consentono il sollevamento dei pesi. Il carroponte è un'apparecchiatura di sollevamento soggetta a specifiche normative sia costruttive sia di verifica periodica. Esistono carriponte per portate che variano da centinaia di chili a centinaia di tonnellate.


Il carroponte nel Parco archeologico industriale ex-Breda a Sesto San Giovanni.
Gli usi più comuni hanno luogo all'interno di fabbriche e magazzini per il trasferimento di semilavorati e di prodotti finiti tra un reparto e l'altro o verso l'area di carico e scarico. Vi sono anche carriponte destinati all'uso siderurgico con funzioni di parco rottami, carroponte da carica o per movimentazione billette.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: paranco    Mer Giu 28, 2017 11:39 pm

Paranco

Il paranco (o taglia) è una macchina per sollevare pesi, caratterizzata da un bozzello fisso ed uno mobile.

La macchina è formata generalmente da una coppia di bozzelli (uno fisso e uno mobile), nei quali sono imperniate delle carrucole, nelle cui gole si avvolge una fune. Il polispasto funziona come il paranco, ma presenta una diversa disposizione delle carrucole.

Il paranco può essere di varie dimensioni, i modelli ad uso industriale generalmente sono del tipo a ponte e riescono a coprire tutta la superficie del capannone in cui vengono utilizzati.

Il funzionamento può essere manuale o tramite motore elettrico.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: autogru   Mer Giu 28, 2017 11:41 pm

L'autogru è un automezzo pesante in grado di provvedere alla movimentazione di materiali in località dove non è disponibile una installazione fissa. Spesso, quando montata su autocarri provvisti di cassone, con un unico mezzo di trasporto si è in grado anche di trasferire le merci movimentate e non si chiama più autogrù, ma diventa un allestimento come da norma UNI EN 12999:2003 dove si legge:

« "apparecchi di sollevamento - gru caricatrici"
Gru per autocarro; (gru): Gru a motore comprendente una colonna, che ruota intorno ad una base ed un gruppo bracci che è applicato alla sommità della colonna. La gru è montata di regola su un veicolo (eventualmente su un rimorchio) ed è progettata per caricare e scaricare il veicolo. »

Esistono molte versioni di autogrù, la più specifica corrisponde ad un veicolo gommato a guida singola con un grande e solido braccio allungabile facente funzione di gru. Questa conformazione è quella in grado di sollevare i pesi maggiori e di raggiungere le maggiori altezze. L'autogrù non è destinata a caricare il mezzo sul quale è posizionata; in questo caso si entra nel campo delle Gru per Autocarro.

Tra i mezzi classificabili come autogrù di maggiore diffusione si possono annoverare alcuni dei carri attrezzi che effettuano servizi di soccorso alle autovetture in difficoltà e successivo traino delle stesse presso le officine di riparazione.

Anche nel campo del trasporto delle merci è usuale la presenza di autocarri con gru posizionata subito dietro la cabina di guida, usualmente con portate di sollevamento fino alle 5 tonnellate, in grado di offrire un servizio completo ed autonomo di carico, trasporto e scarico di materiali. Tale tipo di servizio è spesso richiesto in occasione di mostre o di apertura di nuovi cantieri di lavoro.

Naturalmente tutti i tipi di autogrù sono forniti di installazioni di sicurezza in grado di garantire la movimentazione in tutta tranquillità. Durante le operazioni di carico e scarico vengono ad esempio estesi dei bracci stabilizzatori sui lati della gru per garantire la stabilità del piano di appoggio ed evitare i rischi di possibile ribaltamento.

Lo stesso principio di mobilità per i mezzi di sollevamento è utilizzata anche in ambito ferroviario con la predisposizione di gru su appositi carri utilizzati per la manutenzione delle linee ferroviarie.


Gru idrauliche per autocarro[modifica | modifica wikitesto]
Sono propriamente il tipo di gru che vengono applicate agli autocarri per la movimentazione e il successivo trasporto dei carichi.

Composte da un basamento che viene ancorato ad un controtelaio (interposto tra autocarro e basamento della gru), basamento che contiene anche il sistema di rotazione che può essere con cremagliera o ralla. Innestata nel basamento a cremagliera o avvitata alla ralla c'è la colonna sulla cui testa è presente lo snodo nel quale si aggancia il braccio principale, sospinto dal martinetto o pistone ancorato alla base della colonna. La spinta sul braccio principale avviene su perni oppure su bielle e forcella.


Gru idraulica in posizione estesa
Dal principale, con gli stessi sistemi di snodo, parte il secondario (sollevato anche questo da un pistone) nel quale sono contenuti gli sfili della gru, ovvero le parti estensibili telescopicamente che consentono di traslare i carichi a maggiore distanza da quella praticabile dai soli bracci. All'estremità dell'ultimo sfilo viene applicato il gancio. All'estremità dell'ultimo sfilo del braccio secondario possono essere applicate delle cosiddette prolunghe idrauliche, aventi le stesse caratteristiche di un terzo braccio che consente di posizionare i carichi in luoghi meno accessibili alla struttura normale.

Le gru si classificano per la loro capacità di sollevamento espressa in tonnellate-metro (tm) o in Kilo newton metro.

Le capacità delle singole gru, nelle loro molteplici versioni, vengono descritte attraverso diagrammi di carico. I sistemi di sicurezza che gestiscono i limiti di sollevamento di una gru, obbligatori per paesi dell'Europa a partire da gru aventi capacità di sollevamento che superano le 4 tonnellate metro, vengono denominati Limitatori di momento e possono essere di tipo idraulico o elettronico; prende tale denominazione dalla possibilità di controllare il momento della forza derivata dall'applicazione e della movimentazione del carico.


Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]
Il movimento della gru viene azionato tramite pistoni idraulici a doppia valvola, che vengono riempiti di olio specifico per azionamenti oleodinamici. Quest'olio viene messo in pressione tramite una pompa accoppiata al motore dell'autocarro; tale accoppiamento avviene con l'azionamento della cosiddetta presa di forza, un comando pneumatico azionato dalla cabina in combinazione con la frizione. Quando la gru è immobile, la pompa continua ugualmente a girare, ma l'olio idraulico viene portato nel serbatoio per essere pescato nuovamente. Quando un comando viene azionato, la valvola che porta al serbatoio si chiude, e l'olio va in pressione nella direzione desiderata. Ogni comando (sfilo, rotazione, sollevamento, prolunga meccanica, eventuale verricello) viene azionato tramite il movimento di una leva, accoppiata ad una valvola differenziale che smista l'olio idraulico in una direzione o in un'altra. La gru può anche essere movimentata tramite comando a distanza. A questo proposito esistono diversi sistemi per l'azionamento tramite radiocomando.

Servocomandi
È il sistema più diffuso che viene installato sulle vecchie autogrù, perché non necessita di modifiche sull'allestimento ed è relativamente semplice da installare. Questo tipo di allestimento consiste in una serie di piccoli pistoni che vengono azionati tramite elettrovalvole, che a loro volta rispondono agli impulsi dati dal radiocomando. Questi pistoni vengono accoppiati meccanicamente alle leve che azionano la gru. L'olio che garantisce il funzionamento dei pistoni del radiocomando viene fornito tramite una pompa elettrica separata nei modelli meno sofisticati, in quanto l'olio che questi pistoni utilizzano è diverso da quello dell'allestimento dell'autogrù, mentre negli altri modelli viene installato un riduttore di pressione per permettere l'utilizzo dell'olio idraulico già presente sulla gru per l'azionamento dei servocomandi.

Valvole elettroniche
Più sofisticato del sistema a servomotore, si trova spesso installato sulle autogrù di fabbricazione moderna, in quanto spesso già installate dalla ditta che costruisce la gru. In questo caso il radiocomando apre o chiude direttamente le valvole tramite un potenziometro installato su di esse. Rispetto al sistema con servocomandi ha il vantaggio di essere più preciso e di avere una tolleranza per la taratura dei comandi migliore. Di contro ha dei costi elevati, e l'installazione su gru non predisposte richiede modifiche sostanziali, come la sostituzione del distributore idraulico dei comandi.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Palfinger gru   Mer Giu 28, 2017 11:43 pm

Palfinger è un'azienda austriaca specializzata nella produzione di macchinari per il sollevamento carichi, come gru idrauliche per autocarri e piattaforme aeree. L'azienda è una multinazionale con sede principale a Salisburgo, dove è stata fondata nel 1932, e ha filiali in tutti e cinque i continenti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: PM (azienda) gru    Mer Giu 28, 2017 11:48 pm

PM è un'azienda italiana che si occupa della produzione di gru montate su autocarro.
Fondata nel 1959 a Modena, è stata la prima azienda italiana a produrre gru idrauliche per il carico e scarico dai mezzi di trasporto. Inizialmente denominata Precisione Meccanica srl, negli anni '70 cambia nome in Autogru PM S.p.a., attualmente offre 45 differenti modelli di gru da carico, personalizzabili.

Nel 2002 le quote della società vengono acquisite da un gruppo di imprenditori, e l'azienda ingloba altre due società, una specializzata nella costruzione di piattaforme aeree (Oil & Steel S.p.a.), l'altra nella costruzione di ponteggi per l'edilizia (Pilosio S.p.a.). I tre marchi si riuniscono sotto un unico gruppo, la PM Group S.p.a.[1]
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1959 a Modena
Sede principale Modena
Filiali
Newport
Northampton
Valencia
Arad
Settore trasporti
Fatturato 156,2 milioni di € (2006)
Sito web
www.pm-group.eu/





. macchina per sollevare e spostare carichi, composta generalmente di una struttura verticale e di un braccio articolato e girevole da cui pende una fune d’acciaio con gancio

antica macchina da guerra, costituita da un’asta o da una trave con un uncino nella parte terminale, che si poneva sulle mura della città assediata per distruggere le macchine d’assedio nemiche



derrick

torre metallica piramidale che serve a sostenere e manovrare le attrezzature per sondaggi minerari, in particolare per la perforazione petrolifera

Etimologia ← voce ingl.; dal cognome del boia thomas derrick (sec. xvi), che edificò un particolare tipo di patibolo a più palchi; il nome fu poi applicato a diversi macchinari.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Apparecchi di sollavamento    Mer Giu 28, 2017 11:52 pm

Tipo costruttivo: Gru a ponte
Gru a cavalletto;
Gru a portale zoppo;
Gru a fune (Blondins);
Gru a braccio;

Modalità di movimento: Gru a base fissa;
Gru rampanti;
Gru spostabili;
Gru rotanti;
Gru mobili (che possono anche circolare su
strada);
................

Tipo di comando: Manuale;
Elettrico;
Idraulico

http://www00.unibg.it/dati/corsi/7528/2916-classificazione_apparecchi_di_sollevamento.pdf

Definizione di stabilità per gli apparecchi di sollevamento
Attitudine a resistere al momento ribaltante generato dal carico
da movimentare, dal vento, dalle forze di inerzia, dal peso proprio
dell’apparecchio di sollevamento



http://www.scuolaedilebresciana.it/seminaridispense/2011/17_12/Apparecchi%20di%20sollevamento.pdf

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: gru dispositivo congegno di sollevamento   Dom Lug 02, 2017 4:57 pm

Macchina da guerra medievale costituita da una trave con la testa uncinata, che afferrava le macchine da guerra nemiche.

In cinematografia e nelle riprese televisive, macchina impiegata per muovere verticalmente e orizzontalmente la camera da ripresa con il relativo operatore.

Nelle costruzioni meccaniche, apparecchio di sollevamento e trasporto di carichi su brevi distanze, costituito dalla struttura portante, dal complesso degli organi di presa e sollevamento del carico, dal complesso degli organi che operano la traslazione (con moto rettilineo o circolare) del carico. Le strutture portanti sono in genere di tipo reticolare, oppure travi a parete piena, formate da grandi ferri profilati o composti; le strutture reticolari presentano, a parità di dimensioni, un miglior rapporto


peso/resistenza ma le travi piene risultano meno costose delle strutture reticolari a causa del minore impiego di mano d’opera per la realizzazione. Secondo la traiettoria che il carico può compiere, le g. si distinguono in g. girevoli, in g. scorrevoli o in combinazioni di questi due tipi. Oltre all’ampiezza e alla forma della superficie servita, fondamentali per l’esatta individuazione delle prestazioni di una g. sono la portata, o carico massimo sollevabile, la velocità di sollevamento del carico, che può raggiungere valori dell’ordine di 1 m/s, e la velocità di lavoro (del carrello, di rotazione del braccio, di traslazione delle guide). Costruttivamente la varietà dei tipi è grandissima a seconda degli impieghi.

Tra le g. girevoli la più semplice è il tipo da parete (fig. 2A), impiegata per es. nelle fonderie e nelle piccole officine. Nei cantieri sono molto usate per le loro caratteristiche di versatilità di impiego le g. a torre (fig. 2B). Per ottenere grandi sbracci vengono usate le g. capra, formate da un braccio a inclinazione variabile, da un montante centrale controventato e da due tralicci. I tipi più grandi, comunemente chiamati derrick, sono impiegati per grandi portate (1-2 meganewton; MN) e sbracci elevatissimi (varie decine di metri), per es. nelle operazioni di carico e scarico delle navi. Il tipo più semplice di g. scorrevole è costituito da un apparecchio di sollevamento (paranco) che può scorrere sull’ala inferiore di una trave di acciaio a doppio T. Le g. di questo tipo, dette anche carriponte, vengono utilizzate specialmente in grandi officine e stabilimenti metallurgici. Le g. a ponte vengono impiegate in tutti i casi in cui il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione di apparecchiature industriali richiedono il sollevamento di carichi imponenti (gruppi turbo-alternatori, turbine idrauliche, ecc). Su piazzali, calate ecc., invece di collocare in alto le rotaie di scorrimento delle g. a ponte, che imporrebbero l’uso di strutture portanti assai ingombranti, si adottano le g. a portale (fig. 2 D). Nei porti, viceversa, sono usate, di solito, g. a portale zoppo, in cui uno dei due cavalletti manca, sostituito da un appoggio sopraelevato fisso. Sempre nei porti, accanto alle g. a portale zoppo sono usate g. galleggianti, montate su pontoni, anche semoventi. Nei cantieri delle costruzioni edilizie, accanto alle g. a torre, si impiegano le g. montate su cingoli e su pneumatici come l’escavatore universale che può operare come gru.

L’impiego delle g. nell’edilizia è stato generalizzato dalla diffusione delle tecniche costruttive che fanno uso della prefabbricazione strutturale. Nelle navi, le g. sono impiegate oltre che per il carico e lo scarico delle merci anche per la manovra delle ancore e delle imbarcazioni di salvataggio; in questi casi sono completamente automatizzate. G. Volante Elicottero usato per il sollevamento e il trasporto di carichi in sospensione (detto anche eligrù).










derrick

derrick Apparecchio di sollevamento della categoria delle gru. È costituito da un montante fisso controventato e da un braccio mobile che può rotare anche attorno a un asse verticale; alla sommità di questo si trovano le pulegge di rinvio per il sollevamento dei carichi









Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: vecchio carroponte   Sab Set 02, 2017 12:38 pm

vecchio carroponte centrale idroelettrica cascate marmarico bivongi calabria

costruttore:
Società Nazionale Officine di SAVIGLIANO torino Italia, portata max ammmessa 7,7 tonn, movimentazione meccanica














Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1815
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: carroponte da fienile   Mar Nov 14, 2017 7:22 pm





http://kieblerag.ch/wp-content/uploads/2012/04/krananlagen.jpg

Per ogni edificio e applicazione: abbiamo la gru per il fieno adatta a voi, oppure la adeguiamo alle vostre esigenze. La KIEBLER costruisce piccoli sistemi maneggevoli, la cui struttura compatta può essere montata ovunque, e gru di piccole dimensioni,disponibili con ogni allestimento speciale: dal semplice comando a leva fino al joystick di comando idraulico.

http://kieblerag.ch/it/krananlagen/heukrane




PIÙ SPAZIO, MIGLIORE VISUALE, MAGGIORE POTENZA

I sistemi di gru ad uso industriale di KIEBLER aprono nuove prospettive e migliorano l’efficienza dell’azienda. Spostando in alto il processo lavorativo guadagnate spazi liberi al suolo. Dall’alto potete accedere direttamente e con precisione ai vostri materiali. Potete utilizzare lo spazio così guadagnato per lo stoccaggio e altri scopi, riducendo considerevolmente i costi fissi.


http://kieblerag.ch/wp-content/uploads/2012/04/krananlagen.jpg



















http://www.auerlmb.at/en/products/crane-technology/auer-discus-crane/











https://dorn-tec.de/kran-anlagen














https://dorn-tec.de/kran-anlagen



Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: gru carroponti dispositivi di sollevamento   

Tornare in alto Andare in basso
 
gru carroponti dispositivi di sollevamento
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Sollevamento serbatoio e spostamento accensione e bobina( 1° parte)
» Sollevamento auto
» Sollevamento Elise/Exige
» Cric per sollevamento
» Kit riposizionamento bobina, blocchetto accensione e sollevamento serbatoio

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: In pausa... :: Mostra fotografica-
Andare verso: