Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Macchine classiche: il Harvester International Harvester 175

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

avatar

Messaggi : 1655
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 59
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Macchine classiche: il Harvester International Harvester 175   Lun Lug 03, 2017 7:39 pm

Introdotto nel 1963, il modello 175 era uno dei quartetti di caricatori a pista completamente integrati da offrire da International Harvester (gli altri erano i 100, 150 e 250).
IL MODELLO 175 ha sostituito i precedenti trattori TD-14 e TD-15-151, che sono stati forniti nudi a Drott Manufacturing che ha poi costruito e aggiunto alla macchina il telaio del caricatore, le braccia, l'idraulica, il contrappeso e il secchio trasformandolo in una macchina dedicata Tracker di tipo track.

Drott sostituirà anche le scarpe da ginnastica singole, se richiesto con scarpe doppie o triple, a richiesta del cliente.

Drott è stato fortemente allineato con l'International come partner commerciale e la sua più grande pretesa alla fama è stata l'invenzione del benna da carico 4 in 1, uno strumento incredibilmente utile ancora oggi offerto da molti produttori.
Un'altra delle invenzioni di Drott è stata la "Hydro-Spring", un dispositivo che ha ammortizzato i carichi d'urto sul sistema idraulico ed è stato in uso diffuso sui pale gommate di International negli anni '50, '60 e '70.

International Harvester ha tuttavia capito che queste macchine, come un certo numero di altri caricatori di tracce, sono stati un bel po 'di compromessi, per cui è stata decisa la decisione di costruire un caricatore di tracciati dedicato.

Utilizzando il motore e la coppia di convertitori / trasmettitori dal suo dumper TD-15B, è stata costruita una macchina completamente nuova con una torretta integrata del caricatore, un telaio rigido e un convertitore finale planetario.

Con un peso operativo di circa 14 tonnellate e con un secchio da 1 ¾ cubico cubo, il nuovo modello 175 è stato alimentato da un diesel DT407 a sei cilindri che esalta 115 cavalli a volano


In questa foto di fabbrica, un nuovo 175B si trova sul bacino di carico IH in attesa di trasporto ferroviario per la sua nuova casa. Ha un pacchetto completo di illuminazione, un secchio da 2 calibri per uso generale e una delle nuove sedute di operatore con la tappezzeria a sole riflettente, esclusiva IH.


Una delle caratteristiche riportate dai disegni precedenti di Drott era il collegamento del caricatore a Z, che ha dato alla macchina una forza di rottura eccezionale a livello del suolo, in quanto esercitava un'azione molto forte.

A differenza di molti altri pattumiere del periodo, l'operatore era molto ben disposto sulla macchina e non sepolto in una vasca da cui era difficile entrare e uscire. Infatti il ​​175 aveva un ponte quasi passante e una buona visibilità sul retro.

Standard fornito con una terza valvola idraulica aggiuntiva, i 175 potrebbero essere dotati di un secchio da 4 in 1, di ripper o di entrambi (con una valvola deviatrice) se il cliente lo richiedeva.


Il 175 era molto ben accolto dal mercato contraente e venduto eccezionalmente bene.

Harvester internazionale aveva un vincitore sulle sue mani.

Nel corso del 1966, è stata introdotta una versione aggiornata, il modello 175B

Ciò differiva dalla versione di produzione iniziale, avendo un leggero aumento di potenza da 115 a 120 cavalli, modifiche ai montanti del rullo portautensili e un aumento della larghezza della benna standard da 1¾ a due cubi cubici.

La gamma di accessori opzionali è stata ampliata anche per includere una lama angolare, forcelle di registrazione e un grappolo in pietra.


Ancora una volta, la macchina è stata venduta in quantità ed è stata utilizzata in tutti i tipi di applicazioni.

International Harvester ha lanciato la versione finale della macchina, il modello 175C nel 1972.

Dotato di un motore completamente nuovo, il sei cilindri IH DT466, è stato valutato a 140 cavalli a volano.

Questo cambiamento ha portato la macchina in parti comuni con altri trattori nella gamma Pay-Line International-Harvester, in quanto il motore DT466 è stato utilizzato anche nel TD-15 dumper, 412 elevatore raschiatore ed è stato il motore posteriore di entrambi i raschiatori motore 433 e 444 .

Sono state apportate delle modifiche al sottocarro, rendendo questi componenti più forti e OSHA ha richiesto che i supporti ROPS siano stati inseriti nel telaio per rendere compatibile la sicurezza della macchina.

In questa forma la 175C è rimasta in produzione fino a quando International è stato assunto da Dresser nel 1982.

Dresser non persisteva troppo a lungo con la produzione del tipo in quanto la domanda di pale caricatrici di binari stava diminuendo ed è stata finalmente ritirata dalla produzione.

Tutta la produzione di tempo del International 175 ha superato i 13.000 esemplari con l'unica vera e propria concorrenza per il tipo proveniente dalla Caterpillar 955

Il 175 era particolarmente popolare nelle applicazioni di demolizione e logging in cui poteva prendere tutte le punizioni disciagliate in questi ambienti operativi duri.

Esempi isolati possono ancora essere trovati funzionanti.

La vista laterale piacevole di un 175B mostra un sacco di dettagli, in particolare il telaio in cui le due travi di montaggio incrociate possono essere chiaramente visibili. Inoltre, l'asta di indicazione sul cilindro di inclinazione della mano sinistra - indispensabile quando la macchina è stata dotata di un secchio da 4 in 1.



Il 175 pay loader descritto
Guarderemo il modello 175B che è stato prodotto nella più grande quantità (oltre 6500 esemplari).



Completamente attrezzato 175C con spazzole attaccate alla parte anteriore del ROPS. Questa macchina è quasi certamente destinata all'uso forestale in quanto ha anche la maglia che protegge sul retro del ROPS pure. Gli anni '70 sono stati i ponti di stoccaggio molto popolari, le strade e sui camion di carico degli sbarchi


Il potere è stato fornito da un motore diesel a sei cilindri, modello internazionale DT407 turbocharged, che mette fuori 120 cavalli a volano.

Questo a sua volta è stato collegato ad un convertitore di coppia a singolo stadio e alla trasmissione powershift a due velocità con intervalli di alta e bassa velocità selezionati manualmente, dando quattro velocità efficaci in avanti e invertire.

Il comando è stato effettuato dal sistema di sterzo del sistema frenante planetario a più dischi, brevettato da International, che ha consentito di alimentare entrambe le piste in qualsiasi momento. Questa unità è stata raffreddata ad olio per prolungare la durata dei dischi.


Il potere è stato trasmesso dalle frizioni agli azionamenti di pianeta planetari che potrebbero essere serviti senza rompere i binari e sono stati isolati da carichi d'urto.

Una vasca in acciaio saldata monolitica ha tenuto il motore, la trasmissione e il treno di guida e ha anche costituito il fondamento della torre del caricatore.

I telai di binari sono stati rigidamente collegati alla struttura del telaio da due tagli pesanti.

Il telaio standard della pista era un tipo a 6 rulli con pista sigillata a 39 sezioni e 15 'pattini a tre pali. La regolazione della tensione della traccia è stata effettuata tramite un cilindro idraulico riempito di grasso montato in ogni telaio della traccia.

L'operatore era seduto in alto e aveva un'ottima visuale dell'area di lavoro e degli utensili. I pannelli di pavimento erano piatti e consentivano una passeggiata quasi attraverso l'ambiente. Un pannello di comando centralizzato è stato ben fornito di calibri per monitorare le prestazioni della macchina.

Come accennato in precedenza, il meccanismo del caricatore era del tipo Z-bar. Due cilindri idraulici hanno fornito l'ascensore e due cilindri hanno fornito la forza di folla / scarico.

Il posizionamento automatico della benna era standard e, se montato con il secchio 4 in 1, una barra in cima al cilindro di inclinazione sinistro ha fornito un riferimento ottico in merito a quale modalità la benna era in.

Le attrezzature opzionali comprendono una cabina, un riscaldatore, un pacchetto illuminotecnico, scarpe da pista di dimensioni diverse, un ripper di azione radiale o parallelo e un argano.

La connessione Nuova Zelanda


Come si poteva prevedere, l'International 175 vendeva molto bene a tutti i settori delle industrie contraenti e forestali e tutte le tre versioni della macchina (175, 175B e 175C) sono state importate. Si ritiene che oltre 250 macchine sono entrate in NZ durante il periodo di produzione della macchina (1962-1982).

Con l'ascesa dell'escavatore idraulico è arrivata la scomparsa del caricatore di tipo pista e gli esempi dei 175 non sono oggi una vista comune.

Si spera che qualcuno lo salverà per la conservazione.

Per il modello di coltivatore di diecast
Per un cambiamento, sono lieto di poter segnalare che sono disponibili due modelli eccellenti di 175 caricatori di tracciati internazionali e entrambi rappresentano la versione modello 175C - da 1 a 1:50 e dall'altra alla scala 1:25.

Prodotto da First Gear , sono stati rilasciati nel 2007 e sono ancora generalmente disponibili.

L'esempio di scala 1:25 è in particolare la qualità del museo e disponibile in tre versioni - contrattura generale (con ripper), demolizione (con speciale benna di demolizione e verricello) e un esempio utilizzato dal Servizio di vittoria USA, dipinto in rosso.

Sia grandi che piccole dimensioni renderebbe un'aggiunta ideale a qualsiasi accumulazione grave.








Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 1655
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 59
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: International   Mer Ago 30, 2017 6:34 pm

l 12 agosto del 1902 i due più grandi produttori mondiali di macchine per la raccolta, McCormick e Deering, si uniscono per dare vita alla “IHC - International Harvester Company”. Alla presidenza della nuova società viene eletto Cyrus Hall McCormick junior, mentre William Deering è direttore del consiglio d’amministrazione. Nel paniere della fusione, come si direbbe oggi, ci sono altre compagnie i cui marchi godono di un grande rispetto come "Champion" (falciatrici e trebbiatrici), "Milwaukee" (macchina per la raccolta dei cereali), "Plano" (trebbiatrici) e altre minori.

L’accordo prevede che ogni impresa metta le sue fabbriche e i propri servizi, così come la sua produzione specifica, a disposizione del gruppo: tutto ciò che sarà concepito e costruito nel settore agricolo andrà commercializzato con l'etichetta IHC. Questa operazione incontra un ostacolo nelle legge anti-trust per quanto riguarda il numero dei punti vendita (ben 40 mila), e per non infrangere la legge, vengono creati due marchi: Mogul per l'ex rete McCormick e Titan per la ex Deering. Il problema d’identità tuttavia resta insoluto al punto che, nel 1924, la IHC è costretta a creare un nuovo marchio "Farmall" nel quale incorpora i nomi di McCormick-Deering. Farmall vive sino ai primi anni 60 per scomparire sotto il marchio "International".

Internazionale non solo di nome, la nuova compagnia apre subito sedi commerciali in Europa, Russia, nell'Impero Britannico e in Sud America; nel 1905 impianta uno stabilimento a Norrkopping in Svezia, nel 1909 a Neuss in Germania, a Croix in Francia e a Lubertzy in Russia. La sua ascesa è inarrestabile: dalle macchine per la raccolta passa ai trattori, motori, presse, carri, aratri, seminatrici, trebbie e quant'altro possa servire all'azienda agricola; in pratica, dallo spago agli autocarri e ai pick-up.

Per arrivare più vicino a noi, la situazione economica diviene precaria intorno al 1970 con la crisi del petrolio e il calo dei prezzi delle macchine agricole. Nel 1979 IHC perde il primo posto fra i costruttori di trattori a favore della John Deere; il mercato americano è in crisi e nel 1981 riesce ad assorbire meno di 30 mila trattori. Nel 1982 l'impero si smembra: vengono venduti alcuni settori appetibili, altri sono chiusi. Nel 1984, un’azienda petrolifera, la Tenneco, che già possiede la fabbrica di trattori Case, acquista la IHC per 484 milioni di dollari: nasce il gruppo "Case-Ih" che nel 1991 verrà assorbita dalla New Holland.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Macchine classiche: il Harvester International Harvester 175
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Auto d'epoca AMERICANE
» malpensa fiera moto e macchine americane
» aggiornamenti quotazione ruote classiche
» le Classiche-moderne di PIERRE
» ATP 250 - Aegon International - Eastbourne

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: Passion! :: Camion :: USA Trucks-
Andare verso: