Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 escavatore dragline

Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

avatar

Messaggi : 2201
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: escavatore dragline   Dom Feb 25, 2018 10:26 am

http://www.dragflow.it/img_case/work%20in%20progress_LWR_20171115131158.282.jpg

Escavatore a trascinamento definizione:
Un escavatore a trascinamento è un pezzo di equipaggiamento pesante utilizzato nell'ingegneria civile e nell'estrazione di superficie .

Le draglines si dividono in due grandi categorie: quelle basate su gru di sollevamento standard e le unità pesanti che devono essere costruite in loco. La maggior parte delle gru cingolate, con un tamburo dell'argano aggiunto sul fronte, può fungere da dragline. Queste unità (come altre gru) sono progettate per essere smontate e trasportate sulla strada su rimorchi a pianale. Le linee di trascinamento utilizzate nell'ingegneria civile sono quasi sempre di questo tipo di gru più piccolo. Questi sono usati per la costruzione di strade , porti, laghetti e dragaggio di canali, e come piattaforme per la guida di pile . Questi tipi sono costruiti da produttori di gru come Link-Belt e Hyster .

Il tipo molto più grande che è costruito sul sito è comunemente usato nelle operazioni di estrazione delle strisce per rimuovere il sovraccarico sopra il carbone e più recentemente per l' estrazione di sabbie bituminose . Le più grandi draglines pesanti sono tra le più grandi macchine terrestri mobili mai costruite. Il più piccolo e il più comune del tipo pesante pesa circa 8.000 tonnellate, mentre il più grande costruito pesa circa 13.000 tonnellate.

Un sistema di benne a trascinamento è costituito da un grande secchio sospeso da un braccio (una grande struttura a traliccio ) con funi metalliche . Il secchio è manovrato per mezzo di un numero di corde e catene. La fune di sollevamento, azionata da motori diesel o elettrici di grandi dimensioni, supporta la benna e il complessivo di attacco di sollevamento dal braccio. Il dragrope viene utilizzato per disegnare il gruppo del secchio in senso orizzontale. Con abile manovra del paranco e dei dragropi il secchio è controllato per varie operazioni. Di seguito è mostrato uno schema di un grande sistema di benne a trascinamento.


La dragline è stata inventata nel 1904 da John W. Page (come partner della ditta Page & Schnable Contracting) per l'utilizzo nello scavo del Canale di Chicago . Nel 1912, Page si rese conto che la costruzione di draglines era più redditizia della contrattazione, così creò la Page Engineering Company per costruire le draglines. La pagina costruì la sua prima linea di dragaggio a piedi grezza nel 1923. Queste usavano le gambe azionate da cremagliera e pignone su un telaio separato che sollevava la gru. Il corpo è stato quindi tirato avanti per catena su una pista del rullo e quindi abbassato di nuovo. [1] Page ha sviluppato i primi motori diesel esclusivamente per applicazioni dragline nel 1924. Page ha anche inventato il secchio con trascinamento ad arco, un disegno ancora oggi usato comunemente dalle linee di trascinamento di molti altri produttori, e negli anni '60 è stato pioniere del design di un secchio senza arco. Con il suo meccanismo a piedi malamente dietro quello del concorrente Monighan (vedi sotto), Page ha aggiornato il suo meccanismo in un eccentrico drive nel 1935. Questo meccanismo molto migliorato ha dato un moto ellittico appropriato ed è stato usato fino al 1988. Pagina ha modernizzato ulteriormente le sue draglines con la serie 700 nel 1954. Il più grande dragline della pagina fu il modello 757 consegnato alla Obed Mine vicino a Hinton, Alberta nel 1983. Presenta un secchio di 75 yard su un braccio di 298 piedi e un peso operativo di 4.500 tonnellate. Nel 1988, la Harnischfeger Corporation ( P & H Mining Equipment ) acquistò Page Engineering Company.

La Harnischfeger Corporation fu fondata come P & H Mining nel 1884 da Alonzo Pawling e Henry Harnischfeger . Nel 1914, P & H introdusse la prima resistenza al mondo a benzina con motore a benzina. Nel 1988, la pagina è stata acquisita da Harnischfeger che realizza la linea di pale , gru a benna e gru della P & H. La più grande dragline di P & H è la 9030C con un secchio da 160 yard e un braccio da 425 piedi.

File: Marion 111-M Dragline at New Athens, Ohio.ogv Riproduci contenuti multimediali
Marion 111-M Dragline in azione. (30 secondi)
Nel 1907, la Monighan's Machine Works di Chicago si interessò alla produzione di linee di trascinamento quando l'appaltatore locale John W. Page ordinò ai macchinari di sollevamento di installarne uno. Nel 1908, Monighan cambiò il suo nome in Monighan Machine Company. Nel 1913, un ingegnere di Monighan di nome Oscar Martinson inventò il primo meccanismo a piedi per una dragline. [2] [3] [4] Il dispositivo, noto come il trattore Martinson, è stato installato su una dragline di Monighan, creando la prima dragline a piedi. Ciò ha dato a Monighan un vantaggio significativo rispetto ad altre linee di trascinamento e la società ha prosperato. Il meccanismo a camme è stato ulteriormente migliorato nel 1925, eliminando le catene di trascinamento per le scarpe e passando a una ruota a camme che scorre su una pista ovale. Ciò ha dato alla scarpa un movimento ellittico adeguato. [5] [6] La prima linea di trascinamento che utilizzava il nuovo meccanismo era la 3-W disponibile nel 1926. Così popolari erano queste macchine che il nome Monighan divenne un termine generico per la dragline. Agli inizi degli anni '30, Bucyrus-Erie iniziò ad acquistare azioni di Monighan con l'approvazione di Monighan. Bucyrus acquistò un interesse di controllo e la compagnia congiunta divenne nota come Bucyrus-Monighan fino alla fusione formale nel 1946. Il primo escavatore a piedi trascinato nel Regno Unito fu usato nella cava di ferro di Wellingborough nel 1940. [7]

Ransomes & Rapier è stata fondata nel 1869 da quattro ingegneri per costruire attrezzature ferroviarie e altre opere pesanti. Nel 1914 iniziarono a costruire due piccole pale a vapore come risultato di una richiesta del cliente. Il sistema di crowdfunding a fune che hanno costruito per questo è stato brevettato [8] e successivamente venduto a Bucyrus. Dopo la prima guerra mondiale, la domanda di escavatori aumentò e nel 1924 raggiunsero un accordo per costruire le linee di dragaggio di Marion da 1 a 8 metri cubi di capacità. Nel 1927, costruirono modelli Type-7 da 1 yard e Type-460 da 1,5 yard. L'accordo per costruire macchine Marion terminò nel 1936. R & R iniziò a costruire i propri progetti con il Type-4120 seguito dai 4140 di 3,5 metri cubi. Nel 1958 la divisione Ramsomes & Rapier fu venduta alla Newton, Chambers & Co. Ltd di Sheffield, che fu unita alla loro divisione NCK Crane & Excavator. Questo è diventato NCK-Rapier. La divisione dragline ambulante di NCK-Rapier è stata acquisita da Bucyrus nel 1988.

La Marion Power Shovel Company (fondata nel 1880) costruì la sua prima dragline a piedi con un semplice meccanismo a manovella singola nel 1939. La sua più grande dragline fu la 8950 venduta alla Amax Coal Company nel 1973. Presenta un secchio da 150 cubi su un 310 braccio a piedi e pesava 7.300 tonnellate. Marion fu acquistata da Bucyrus nel 1997.

Bucyrus Foundry and Manufacturing Company è entrata nel mercato delle dragline nel 1910 con l'acquisto dei diritti di produzione per l'escavatore a cingoli Heyworth-Newman. La loro "linea 14" è stata introdotta nel 1911 come prima gru cingolata a cingoli. Nel 1912 Bucyrus contribuì a promuovere l'uso dell'elettricità come fonte di energia per le grandi pale di spelatura e le linee di trascinamento utilizzate nelle miniere. Una società italiana, Fiorentini , ha prodotto escavatori a dragline dal 1919 con licenza di Bucyrus. Dopo la fusione con Monighan nel 1946, Bucyrus iniziò a produrre macchine molto più grandi utilizzando il meccanismo di marcia Monighan, come 800 tonnellate 650-B che utilizzavano un secchio da 15 yard. La più grande dragline di Bucyrus fu Big Muskie costruita per la Ohio Coal Company nel 1969. Questa macchina era dotata di un secchio da 220 yard su un braccio di 450 piedi e pesava 14.500 tonnellate. La stessa Bucyrus è stata acquisita da Caterpillar nel 2011 con attrezzature pesanti e motori diesel. La più grande gru cingolata di Caterpillar è la 8750 con benna da 169 piedi, braccio da 435 piedi e peso di 8.350 tonnellate.

Il mercato delle draglines cominciò a ridursi rapidamente dopo il boom degli anni '60 e '70 che portò a ulteriori fusioni. L'acquisizione da parte di P & H di Page nel 1988 insieme all'acquisizione di Ransomes & Rapier da parte di Bucyrus nel 1988 e di Marion nel 1997 ha ridotto di oltre la metà il numero di fornitori mondiali di draglines pesanti. Oggi P & H e Caterpillar sono gli unici produttori rimasti di grandi linee di trascinamento
Altri produttori

La Heavy Engineering Corporation Limited è stata la prima azienda indiana a produrre una passerella mobile con capacità di benne da 31 yard. HEC fa un secchio di 44 yard. Per fare un confronto, questo sarebbe paragonabile alla serie 8000 di Draglines piccole Caterpillar con un secchio da 42 yard. HEC ha fornito poco più di una dozzina all'industria mineraria indiana.

Operazione [ modifica ]

Escavatore a trascinamento.
In un tipico ciclo di scavo, la benna è posizionata sopra il materiale da scavare. Il secchio viene quindi abbassato e il dragrope viene quindi disegnato in modo che il secchio venga trascinato lungo la superficie del materiale. Il secchio viene quindi sollevato utilizzando la fune di sollevamento . Viene quindi eseguita un'operazione di oscillazione per spostare la benna nel punto in cui il materiale deve essere scaricato. Il dragrope viene quindi rilasciato facendo inclinare e svuotare la benna. Questo è chiamato un'operazione di scarico.

Sulle gru a benna di tipo gru, il secchio può anche essere "gettato" avvolgendolo sul jib e rilasciando una frizione sul cavo di trascinamento. Ciò farebbe oscillare il secchio come un pendolo . Una volta che il secchio ha oltrepassato la verticale, il cavo del paranco sarebbe stato liberato, gettando così il secchio. Su piccole linee di trascinamento, un operatore esperto potrebbe far atterrare il secchio di circa la metà della lunghezza del fiocco rispetto a quando fosse appena caduto. Sulle linee di trascinamento più grandi, questa non è una pratica comune.

Le linee di trascinamento hanno sequenze di taglio diverse. Il primo è il metodo del getto laterale che utilizza i banchi offset; questo comporta il lancio dello strato di copertura su materiale sabbiato per fare una panchina. Il secondo è un passaggio chiave. Questo passaggio taglia una chiave sulla punta del nuovo highwall e sposta la panca ulteriormente verso la parete bassa. Questo può anche richiedere un passaggio di taglio se il muro è isolato. Una passata di triturazione implica che il secchio venga lasciato cadere su un muro alto angolato per ridimensionare la superficie. La sequenza successiva è l'operazione più lenta, i blocchi passano. Tuttavia, questo passaggio sposta la maggior parte del materiale. Implica l'uso della chiave per accedere al fondo del materiale per sollevarlo fino a rovinare o ad un livello elevato del banco. Il taglio finale, se necessario, è un arretramento, tirando nuovamente il materiale sul lato della parete bassa.



Draglines in mining [ modifica ]

Trascinare nella miniera di carbone di Curragh
Un grande sistema di dragline utilizzato nell'industria mineraria a cielo aperto costa circa US $ 50-100 milioni. Un tipico secchio ha un volume che varia da 40 a 80 metri cubi (da 30 a 60 metri cubi), sebbene i secchi estremamente grandi abbiano raggiunto i 168 metri cubi (5,900 piedi cubi). [10] La lunghezza del braccio varia da 45 a 100 metri (da 148 a 328 piedi). In un singolo ciclo, può spostare fino a 450 tonnellate di materiale.

La maggior parte delle draglines minerarie non sono alimentate a diesel come la maggior parte delle altre attrezzature minerarie. Il loro consumo energetico è così grande che hanno una connessione diretta alla rete ad alta tensione con tensioni comprese tra 6,6 e 22 kV. Una tipica scavatrice, con un secchio da 55 metri cubi, può utilizzare fino a 6 megawatt durante le normali operazioni di scavo. A causa di ciò, molte storie (forse apocrife ) sono state dette sugli effetti che causano il blackout delle draglines minerarie. Per esempio, c'è una storia di lunga data che, negli anni '70, se tutte e sette le linee di dragging della miniera di Peak Downs (una grande miniera di carbone BHP nel Queensland centrale, in Australia) si fossero girate simultaneamente, avrebbero oscurato tutto il Nord Queensland . Tuttavia anche adesso, se sono stati spenti, vengono sempre riavviati uno alla volta a causa dell'immenso fabbisogno energetico all'avvio.

In tutte le corsie, tranne le più piccole, il movimento si ottiene camminando usando piedi o pontoni , poiché le piste di caterpillar esercitano troppa pressione sul terreno e hanno grosse difficoltà sotto l'immenso peso della nave. La velocità massima è al massimo di pochi metri al minuto, [11] poiché i piedi devono essere riposizionati per ogni passaggio. [12] Se si percorrono medie distanze (circa 30-100 km), è possibile trasportare uno speciale trasportatore per trascinare il dragline. Oltre tale distanza, generalmente è richiesto lo smontaggio. Ma le linee di trascinamento minerario a causa della loro portata possono lavorare su una vasta area da una posizione e non hanno bisogno di spostarsi costantemente lungo la faccia come macchine più piccole.


I limiti primari delle linee di trascinamento sono la loro altezza del braccio e la lunghezza del braccio, che limita il punto in cui la dragline può scaricare il materiale di scarto. Un altro limite principale è la profondità dello scavo, che è limitata dalla lunghezza della corda che la dragline può utilizzare. Inerente alla loro costruzione, una scavatrice è il materiale di scavo più efficiente al di sotto del livello della loro base. Mentre una scavatrice può scavare sopra di sé, lo fa in modo inefficiente e non è adatto a caricare materiale ammucchiato (come una pala o una pala gommata ).

Nonostante i loro limiti e il loro costo di capitale estremamente elevato, le linee di trascinamento rimangono popolari con molte miniere, a causa della loro affidabilità e dei costi di rimozione dei rifiuti estremamente bass


. [14]

La ditta inglese Ransomes & Rapier ha prodotto alcuni grandi escavatori (1400-1800 tonnellate), il più grande in Europa al tempo (1960). Il potere proveniva da motori a combustione interna che azionavano generatori elettrici. Uno, chiamato SUNDEW , fu usato in una cava dal 1957 al 1974. Dopo che la sua vita lavorativa nel primo sito di Rutland fu terminata, percorse 13 miglia fino a una nuova vita a Corby ; la passeggiata ha richiesto 9 settimane.

Le linee di trascinamento più piccole erano anche comunemente usate prima che gli escavatori idraulici entrassero in uso comune, le linee di trascinamento più piccole ora sono usate raramente oltre che sulle opere di fiumi e ghiaia. Le piccole macchine erano di azionamento meccanico con frizioni. Aziende come Ruston e Bucyrus hanno realizzato modelli come la RB10, apprezzati per lavori di costruzione di piccole dimensioni e lavori di drenaggio. Molti di questi possono ancora essere visti nelle Fens inglesi di Cambridgeshire , Lincolnshire e parti del Norfolk . Ruston è una società anche associata a motori di pompaggio di drenaggio. I sistemi di azionamento elettrico sono stati utilizzati solo sulle macchine minerarie più grandi, la maggior parte delle macchine moderne utilizza un motore diesel-idraulico, poiché raramente le macchine si trovano in un punto abbastanza lungo da giustificare il costo dell'installazione di una sottostazione e dei cavi di alimentazione.


Le dragline, a differenza della maggior parte delle attrezzature utilizzate nel movimento terra, sono rimaste relativamente invariate nei sistemi di progettazione e controllo per quasi 100 anni. Negli ultimi anni si sono verificati alcuni progressi nei sistemi e nelle metodologie di dragline.

[16]

Software di simulazione [ modifica ]
Poiché le linee di trascinamento sono in genere di grandi dimensioni, complicate e molto costose, la formazione di nuovi operatori può essere un processo complicato. Allo stesso modo in cui i simulatori di volo si sono sviluppati per addestrare i piloti, è stato sviluppato un software di simulazione mineraria per aiutare i nuovi operatori a imparare come controllare le macchine.

UDD [ modifica ]
UDD è l'acronimo di Universal-Dig-Dump. Rappresenta il primo cambiamento fondamentale delle draglines per quasi un secolo, dall'invenzione del "miracle hitch". Invece di usare due funi (la fune di sollevamento e la fune di trascinamento) per manipolare il secchio, una macchina UDD usa tre funi, due di sollevamento e una di trascinamento. Ciò consente all'operatore di trascinare di avere una maggiore selettività in quando prelevare il bucket e in che modo il bucket può essere scaricato. Le macchine UDD hanno generalmente una maggiore produttività rispetto a una trascina standard, ma spesso hanno problemi meccanici più grandi. Nell'industria mineraria, c'è ancora molto dibattito sul fatto che i miglioramenti UDD giustifichino i loro costi.

Vedi anche












Joy Global Inc. era una società che produceva e serviva attrezzature pesanti utilizzate nell'estrazione e nel trasporto di carbone e minerali sia in sotterraneo che in superficie. [2] [1] La società aveva stabilimenti di produzione in Alabama, Texas, Wisconsin, Australia, Canada, Cina, Francia, Sud Africa e Regno Unito. [1] Nel 2017, Komatsu Limited ha acquisito la società. [3]

Nel 2016, le vendite di servizi hanno rappresentato il 78% dei ricavi, mentre le vendite di attrezzature hanno rappresentato il 22% dei ricavi. [1]

La società ha avuto i suoi inizi a Milwaukee, nel Wisconsin . A quel tempo, Milwaukee era un centro di produzione di macchinari industriali alla convergenza di tre fiumi che entravano nel lago Michigan. Tra il numero crescente di aziende produttrici di macchine a Milwaukee negli anni settanta del XIX secolo c'era un'impresa in difficoltà nota come Whitehill Sewing Machine Company. Alonzo Pawling e Henry Harnischfeger gestivano le lavorazioni di getti e la lavorazione degli ingranaggi all'interno dello stabilimento di Whitehill. Preoccupato per il fatto che la Whitehill mancava della disciplina di marketing e manifatturiera necessaria per crescere, formarono un negozio di macchine e modelli il 1 ° dicembre 1884. [4] per fabbricare, assemblare e servire componenti e attrezzature necessari ad altre grandi aziende manifatturiere della regione.

Nel 1887, Pawling e Harnischfeger aiutarono a ricostruire e aggiornare una gru a ponte sopra le operazioni di fonderia della Edward P. Allis Manufacturing Company che era crollata in seguito al tentativo di spostare un carico oltre la sua capacità di sollevamento nominale. La gru ricostruita sostituì il complesso sistema di funi e pulegge che fallirono con un sistema semplificato di motori e cambi. Poco dopo, Pawling e Harnischfeger iniziarono a costruire una propria linea di gru a ponte per le operazioni di produzione e magazzino .

Il panico del 1893 causò la caduta della domanda per le gru progettate e costruite da Pawling e Harnischfeger, a cui i clienti chiamavano "P & H". I partner hanno deciso di espandere la loro linea di prodotti per includere macchine movimento terra al fine di aumentare la loro capacità di resistere alla prossima recessione economica. Nello stesso anno, P & H acquisì i motori e controllò le attività produttive della Gibbs Electric Company in seguito all'acquisizione di Gibbs da parte della Westinghouse Electric Manufacturing Company, poiché Pawling e Harnischfeger volevano un maggiore controllo sull'applicazione dei motori applicati alla loro linea di gru.

Nel 1895, a Cumberland, nel Maryland , il dodicenne Joseph Francis Joy andò a lavorare come raccoglitore di ardesia in una miniera di carbone , alla fine lavorando sottoterra con raccoglitori, trivelle e pale per trivellazione a mano per caricare il carbone in vagoni ferroviari. Nel 1903, il ventenne stava imparando ingegneria meccanica tramite un corso di vendita per corrispondenza e armeggiava con idee per meccanizzare il processo di estrazione del carbone. I progetti di Joy non attrassero inizialmente interesse dalle miniere di carbone sotterranee, ma la Pittsburgh Coal Company nel 1916 vide i potenziali guadagni di produttività che si sarebbero potuti ottenere investendo in un caricatore tipo braccio di raccolta Joy. Joy ottenne un brevetto americano sul suo dispositivo nel 1919 e lanciò Joy Mining Machinery.

A Milwaukee, Pawling e Harnischfeger divennero noti come la Harnischfeger Corporation in seguito alla morte di Alonzo Pawling nel 1911. [5] Harnischfeger lanciò la linea di macchine movimento terra, iniziando con gli scavafossi e includendo infine pale e cingoli.

Verso la metà degli anni '20, l'azienda era diventata un grande e crescente fornitore di pale cingolate e gru usate nelle operazioni di costruzione e di estrazione. Nel corso dei decenni, le pale e le gru con marchio P & H sono cresciute in termini di dimensioni, capacità e tecnologia dei comandi e dei comandi. L'azienda ha ampliato la sua linea di prodotti con l'inizio della Grande Depressione , aggiungendo macchinari per saldatura , motori diesel e case prefabbricate alla sua linea di pale e gru P & H.

Nel 1956, la Harnischfeger Corporation fu quotata alla Borsa americana.

Negli anni '60 e '70, l'azienda aveva ceduto i propri impianti di saldatura, motori diesel e case prefabbricate per concentrarsi su macchine da costruzione e minerarie, gru a ponte, montacarichi e sistemi di consegna materiali. Le recessioni negli anni '70 e '80 hanno spinto l'azienda a spostare la propria attenzione strategica verso l'inclusione di macchinari e sistemi per la fabbricazione della cellulosa e della carta e sistemi informatici applicati ai sistemi militari e aerospaziali.




Nel 1983, la società si era evoluta in una società conglomerata nota come Harnischfeger Industries, Inc. Nel 1986, Harnischfeger acquisì la Beloit Corporation, un'azienda produttrice di macchinari per la produzione di carta e cellulosa, e la Syscon Corporation, un fornitore di sistemi informatici con sede a Washington DC. [6]

Nel 1994, Harnischfeger Industries, Inc. acquistò Joy Mining Machinery per $ 1 miliardo in stock. [7] Joy era un fornitore di attrezzature minerarie sotterranee con sede a Franklin, in Pennsylvania .

Nel 1997, Harnischfeger vendette le gru a ponte P & H e sollevò gli affari a Morris Material Handling. [8]

La crisi finanziaria asiatica del 1997 ha portato al crollo di un'importante industria manifatturiera di carta con sede in Indonesia e il conseguente default su numerosi contratti per un valore superiore a 5,25 miliardi di dollari. Uno di quei contratti del valore di oltre $ 250 milioni era detenuto dalla controllata di Beloit Corporation della Harnischfeger Industries.

Nel giugno 1999, Harnischfeger Industries ha presentato istanza di fallimento al capitolo 11 . [9] [10] [11]

Il 12 luglio 2001, Joy Global Inc. divenne il successore diretto di Harnischfeger Industries, Inc. all'emergenza del processo di ristrutturazione finanziaria del Capitolo 11. [12]

Nel 2008, la società ha acquisito NES Investment Co. e la sua consociata interamente controllata, Continental Crushing & Conveying (CCC), un fornitore di sistemi di frantumazione e trasporto di materiali per operazioni di estrazione di superficie. [13]

Nel 2011, la società ha acquisito LeTourneau Technologies , l'unità operativa di attrezzature minerarie e sistemi di perforazione delle società Rowan . L'acquisizione ha ampliato l'ambito della società aggiungendo caricatori front-end ad alta capacità per le operazioni di data mining. [14] Più tardi quell'anno, Joy Global cedette il ramo d'azienda di prodotti di perforazione LeTourneau a Cameron International


Nel luglio 2011, la società ha acquisito una partecipazione del 41% in International Mining Machinery Holdings, uno dei maggiori produttori cinesi di tosatori minerari a parete lunga per estrarre carbone dalle miniere sotterranee, per US $ 585 milioni [16], con piani per ottenere le restanti azioni del produttore di attrezzature minerarie con sede in Cina attraverso un'offerta pubblica. Nel novembre 2011, Joy Global ha acquisito un ulteriore 10,5% delle azioni in circolazione di International Mining. [17]

Nel 2013, Edward (Ted) L. Doheny, II è stato nominato chief executive officer della compagnia. [18]

Nel 2016, la società ha venduto un laminatoio di acciaio a Nucor per $ 29 milioni. [19] [20]

Nel 2017, Komatsu Limited ha acquisito la società
Joy Global Inc.
Logo JGI 2012 wikipedia.png
Industria Estrazione
Destino Acquisito da Komatsu Limited
Fondato 1958 ; 60 anni fa
Fondatore Joseph Francis Joy
defunto 5 aprile 2017 ; 10 mesi fa
Quartier generale Milwaukee , Wisconsin
Persone chiave
Edward L. Doheny II, CEO
James M. Sullivan, CFO [1]
Prodotti Macchinari minerari di superficie
Macchinari minerari sotterranei
Reddito Decrease $ 2.371 miliardi (2016) [1]
Reddito netto
Increase $ 0,058 miliardi di dollari (2016) [1]
Totale attivo Decrease $ 3,426 miliardi (2016) [1]
Equity totale Decrease $ 1.381 miliardi (2016) [1]
Numero di dipendenti
10.000 (2016) [1]
Società controllate Attrezzature minerarie P & H
Sito web www .joyglobal .com


P & H Mining


P & H Mining Equipment Inc.
P & H Mining
genere
Controllata (Parent: Joy Global )
Industria Estrazione
Fondato 1884
Quartier generale Milwaukee , Wisconsin
Persone chiave
Randy W. Baker, Presidente e COO
Prodotti Pala per miniera elettrica
gru a cingoli
Trapani a foro di scoppio
Numero di dipendenti
Combinazione di 2.600 attrezzature minerarie P & H e servizi MinePro P & H
Sito web P & H Mining.com



P & H Mining Equipment progetta, costruisce e supporta una linea di macchinari per la perforazione e la movimentazione dei materiali commercializzati con il marchio "P & H" e applicata ai minerali e alle attività di estrazione di superficie a livello mondiale. La società è una filiale operativa di Joy Global Inc. Nel 2017 Joy Global Inc. è stata acquisita da Komatsu Limited di Tokyo, Giappone ed è ora nota come Komatsu Mining Corporation e opera come sussidiaria di Komatsu.


Panoramica della società madre [ modifica ]
Joy Global Inc. (JGI) è un'azienda di macchinari e servizi di supporto con sede a Milwaukee , nel Wisconsin, USA. Consiste di due unità operative: P & H Mining Equipment e Joy Mining Machinery . P & H Mining Equipment è specializzata nella progettazione, produzione e supporto di attrezzature applicate alle mine di superficie. Joy Mining Machinery è specializzata in attrezzature e supporto applicato alle operazioni di miniere sotterranee


Storia delle attrezzature minerarie P & H [ modifica ]
Gli artigiani industriali Alonzo Pawling e Henry Harnischfeger iniziarono l'attività manifatturiera che si sarebbe evoluta in P & H Mining Equipment nel 1884 a Milwaukee , nel Wisconsin , USA.


Alonzo Pawling .

Henry Harnischfeger .
Pawling era un produttore di modelli di fusione. Harnischfeger era un fabbro macchinista con una certa preparazione ingegneristica. Entrambe le persone lavorarono nello stabilimento di Whitehill Sewing Machine Company a Milwaukee a partire dal 1881. [1] Preoccupato del fatto che le attività di Whitehill andassero verso il fallimento, Pawling uscì dall'impresa per avviare una piccola officina di ingranaggi e modellistica nel 1883. esperienza e capitale, Pawling persuase Harnischfeger a unirsi alla sua azienda come partner alla pari. Il loro Pawling & Harnischfeger Machine and Pattern Shop iniziò ufficialmente il 1 ° dicembre 1884.

Fornitori di componenti e gruppi [ modifica ]
Pawling e Harnischfeger inizialmente fornivano componenti per macchinari industriali e supporto per il servizio di assemblaggio a grandi produzioni a Milwaukee. Tra i loro clienti c'erano fabbricanti di macchine per maglieria industriali, fabbricanti di mattoni, fabbricanti di attrezzature per l'essiccazione di cereali e birrifici. Quando una gru a ponte sopraelevata sovraccaricata crollò all'interno delle operazioni di fonderia di un vicino produttore di macchinari pesanti noto come Edward P. Allis Manufacturing Company, Pawling e Harnischfeger ricostruirono la gru con un design migliorato e semplificato.

Pawling e Harnischfeger trasformarono presto la loro attività in una produzione industriale di gru e servizi. Il panico della banca nel 1893 provocò tuttavia il crollo della domanda di gru, spingendo P & H a cercare un'altra linea di prodotti che potesse aiutarli a ridurre i rischi aziendali in mezzo a crisi economiche. Hanno rivolto la loro attenzione a macchine movimento terra, mentre l'America si trovava nel mezzo di un'infrastruttura e di un boom edilizio che richiedeva grandi volumi di tali apparecchiature.



Inizia l'era di macchine movimento terra [ modifica ]
Nel 1920 la linea di prodotti di macchinari per scavare P & H comprendeva le macchine P & H Model 206 e Model 300 che l'azienda produceva in lotti di cinque o più. Nel 1926, i macchinari di scavo P & H erano effettivamente distribuiti in tutto il mondo, tra cui Mumbai , in India.

Prodotti Evolve [ modifica ]
Nel corso dei decenni, le macchine movimento terra P & H si sono evolute in mover di materiale più grandi, più potenti e più produttivi. Nel 1930, la tecnologia della saldatura rese possibile la fabbricazione di macchinari più leggeri e più resistenti rispetto ai macchinari tradizionali di progettazione rivettata. P & H non solo era un vecchio adattatore per la progettazione saldata, ma l'azienda ha anche progettato e realizzato una propria linea di macchine per la saldatura ad arco elettrico e prodotti per barre di saldatura. Un altro progresso tecnologico applicato alle macchine scavatrici P & H negli anni '30 fu il sistema di azionamento elettrico a motore DC Ward-Leonard. Pawling e Harnischfeger iniziarono a progettare e realizzare i propri motori elettrici e controlli a partire dal 1893, quando acquisirono beni della Gibb Electric Company che non erano necessari quando Gibb fu acquistato dalla Westinghouse Electric Manufacturing Company.

Pale p & he pale e dragline erano originariamente disponibili con opzioni prime-mover tra cui un motore a benzina Waukesha , un motore diesel Buda , o un motore elettrico P & H. Negli anni '30, i motori diesel ei motori elettrici P & H divennero le opzioni principali del motore primo sulle macchine di scavo P & H. Entro la fine degli anni '60, praticamente tutte le macchine per scavare la P & H sarebbero dotate di motori elettrici P & H.

Gli escavatori P & H iniziati negli anni '20 con carichi utili di ben 500 libbre / 226 chilogrammi e capacità di benna e benna di 0,5 metri cubi / 0,382 metri cubi si sarebbero evoluti in enormi e potenti pale da miniera elettriche con un carico utile massimo di 120 tonnellate / 109 tonnellate e capacità massima di 82 metri cubi / 62,7 metri cubi. I pesi di lavoro della macchina vedrebbero cambiamenti drammatici simili. Gli escavatori modello 206 di P & H originariamente avevano pesi di lavoro di circa 25 tonnellate / 22,7 tonnellate. Le pale elettriche P & H 4100XPC oggi hanno pesi di lavoro di circa 1.645 tonnellate / 1492 tonnellate.

Linea di prodotti P & H [ modifica ]

Una pala H & P 4100XPB nel Queensland, in Australia .
P & H Mining Equipment progetta e costruisce quattro linee di attrezzature per le operazioni di estrazione di superficie. Includono pale da miniera elettriche, trapani per la produzione di fori di sabbiatura, dragline a piedi e sistemi di convogliamento della frantumazione nei pozzi.

P & H Electric Mining Shovels [ modifica ]
Le pale minerarie elettriche P & H vengono utilizzate per il carico di camion di trasporto e per i sistemi di trasporto del frantoio nei pozzi nelle operazioni di miniera in superficie. Hanno un carico utile da 21 tonnellate / 19,1 tonnellate per il modello più piccolo, il P & H 1900AL, a 120 tonnellate / 108,9 tonnellate per il modello più grande, il P & H 4100XPC.

P & H Drilling Rigs [ modifica ]
Le piattaforme di perforazione P & H sono applicate a reti noiose di contenitori esplosivi tubolari in formazioni di roccia dura all'interno delle operazioni minerarie. Applicano tre tipi di forza al compito di far avanzare una punta da trapano troncone nella roccia. Forza di carico fino a 150.000 libbre (670.000 N) con una forza di carico fino a 25.000 piedi (34.000 N⋅m) di coppia e grandi volumi di aria compressa che scorre a quasi 3.850 piedi cubici (109 m 3 ) al minuto crea i tubi o "fori di scoppio". I buchi sono caricati con esplosivi e poi fatti detonare. L'esplosione produce una potente onda d'urto che frammenta la roccia, rendendo più facile caricare, trasportare, frantumare e distillare per il suo contenuto minerale.



P & H Walking Draglines [ modifica ]
P & H Walking Draglines trasporta grandi volumi di polvere di carbone che coprono il tetto e anche di sovraccarico e fosfati. Maneggiano un secchio di grandi dimensioni che viene scagliato verso il materiale che deve essere trasferito utilizzando un boom di lunghezza del campo da calcio e potenti motori e trasmissioni. Il secchio atterra sul materiale e i suoi denti mordono rapidamente il materiale. Una potente forza di trascinamento viene applicata per riempire il secchio, seguita da un potente sollevatore e forze di oscillazione applicate per scaricare il materiale dal sito di scavo a. Le capacità della benna delle draghe P & H vanno da 55 a 160 metri cubi (da 42 a 122 m 3 ).

P & H In-pit Crushing-Conveying Systems [ modifica ]
I sistemi di convogliamento e frantumazione In-Pit P & H sono l'ultima novità della linea di prodotti P & H Mining Equipment. Introdotti nel 2008, gli IPCC raccolgono materiale di terra scavato e depositato in una grande tramoggia di raccolta da una pala elettrica P & H, per poi frantumare il materiale in una dimensione facilmente trasportabile da trasferire altrove nella miniera. I costi elevati e volatili di movimentazione dei materiali minerari associati alle precedenti operazioni minerarie che utilizzano percorsi di autotrasporto più lunghi e più profondi verificatisi durante un periodo di inflazione tra il 2004 e il 2008 hanno portato gli sforzi di diversi fornitori di attrezzature minerarie a sviluppare sistemi IPCC alternativi.

P & H Mining Equipment gestisce una rete globale di team di supporto ai servizi P & H MinePro nelle principali regioni minerarie, formalmente istituita nel 1996.

Le operazioni di MinePro si svolgono in Africa , Asia , Australia , Europa , Nord America e Sud America, vicino a importanti concentrazioni di attività minerarie che producono energia e minerali per l'economia globale. Le attrezzature P & H e il supporto MinePro sono principalmente rivolti a operazioni di estrazione di rame , carbone , minerale di ferro , sabbia di petrolio , oro , diamanti e fosfato in base alla domanda di prodotti e servizi. Il supporto del servizio MinePro include il nuovo assemblaggio della macchina, la manutenzione e le riparazioni, gli aggiornamenti dei sistemi, le sostituzioni delle macchine, le riparazioni e riparazioni di motori e trasmissioni, le saldature e le riparazioni delle strutture e la formazione degli operatori delle macchine e del personale di manutenzione.

I team di MinePro sono composti da meccanici, elettricisti, saldatori, macchinisti, assemblatori e gestori di magazzini logistici, molti dei quali sono nativi della città o della regione in cui servono.

MinePro è un canale di vendita primario per le attrezzature di estrazione di superficie. Tuttavia, è in grado di fornire assistenza per l'equipaggiamento minerario sotterraneo e offre anche un servizio di assistenza per l'industria delle costruzioni.

MinePro lavora con operazioni di estrazione di superficie per garantire la massima produttività delle attrezzature progettate e costruite da P & H Mining Equipment, incluse pale da miniera elettriche , trapani per la produzione di fori di sabbiatura , dragline a piedi e fornitura di parti e servizi per tali apparecchiature. Fornisce supporto per le apparecchiature non P & H anche in alcune regioni, compresi autocarri ed escavatori Hitachi, carrelli Liebherr , pale gommate LeTourneau, benne trascinate CQMS e "GET" o attrezzi di aggancio a terra (ad es. Cingoli cingolati, armatura a benna e avambraccio) , Interruttori automatici Stamler e rulli folli Continental Conveyor Products e sistemi di trasporto, tra gli altri.

MinePro continua la funzione di assistenza post-vendita che è iniziata con la fondazione di P & H Mining Equipment da parte degli artigiani industriali Alonzo Pawling e Henry Harnischfeger nel 1884. Come progettisti e costruttori di attrezzature industriali, Pawling e Harnischfeger erano ben posizionati per fornire installazione, manutenzione preventiva, riparazioni, ricostruzioni e aggiornamenti per le operazioni industriali, comprese le imprese di costruzione e minerarie che hanno investito nei loro prodotti.

La robustezza, l'affidabilità e la qualità produttiva dei loro prodotti combinati con l'esperienza di Pawling e Harnischfeger sono stati fattori chiave nella capacità dell'azienda manifatturiera di sopportare le recessioni economiche e di continuare a crescere in un moderno business globale definito dai loro clienti semplicemente come " P & H "all'inizio del 1900. P & H Mining Equipment ha ufficializzato il nome dell'attività di supporto ai servizi nel 1996, ribattezzandolo "P & H MinePro Services".

Acquisizione di Beloit Corporation [ modifica ]
P & H ha rilevato la Beloit Corporation nel 1986. Beloit Corporation era una grande società di produzione di macchine per la produzione di carta in tutto il mondo con sede a Beloit, nel Wisconsin . La Beloit Corporation aveva iniziato circa 150 anni prima come azienda " Beloit Iron Works " della BIW e si era seduta sul terreno originale della Beloit Iron Works. Entro il 2000 (e soprattutto negli anni precedenti), Harnischfeger aveva esteso le operazioni della Beloit Corporation nel Grande Pacifico, comprese ( Indonesia , Tailandia , ecc.) A un punto di bancarotta. Beloit Iron Works antichità e segnaletica rimangono come omaggio alla città e alla compagnia.

Gamma di servizi



Henry Harnischfeger (10 luglio 1855 - 15 novembre 1930) fu un pioniere nell'industria mineraria di Milwaukee , nel Wisconsin


Vita in anticipo e carriera [ modifica ]
Harnischfeger nacque a Salmünster , Kreis Schlüchtern, Hesse-Nassau , il 10 luglio 1855. Lasciò la sua terra d'origine nel 1872 e arrivò negli Stati Uniti. È arrivato negli Stati Uniti il ​​9 aprile ed è stato assunto dalla Singer Sewing Machine Company, che ora è conosciuta come la Singer Corporation . Ha lavorato lì per 9 anni, e poi è venuto a Milwaukee, nel Wisconsin. Ha poi lavorato per la White Hill Sewing Machine Company, dove ha gestito la produzione di modelli e lavorazioni di ingranaggi all'interno dello stabilimento di Whitehill con Alonzo Pawling. Formarono una macchina e un negozio di modellini il 1 ° dicembre 1884. [2] per fabbricare, assemblare e servire componenti e attrezzature necessari ad altre grandi aziende manifatturiere della regione.

Pawling e Harnischfeger [ modifica ]
Nel 1883 Pawling aprì Milwaukee Tool and Pattern Shop con Mauritz Weiss. La partnership si sciolse dopo un anno e Harnischfeger prese in mano gli interessi di Weiss. Tra i loro clienti c'erano fabbricanti di macchine per maglieria industriali, fabbricanti di mattoni, fabbricanti di attrezzature per l'essiccazione di cereali e birrifici.

Hanno valvole fabbricate per Bruno V. Nordberg. Bruno lasciò Allis e affittò lo spazio loft sopra Pawling e Harnischfeger.

Anche Christopher W. LeValley è venuto al negozio per un lavoro personalizzato. Ha continuato a fondare la Chain Belt Company

Frederick Pabst , che a quel tempo possedeva la Best Brewing Company con Emil Schandein, diede loro ordini di attrezzature per birrerie. [3] Nel 1887, Pawling e Harnischfeger aiutarono la ricostruzione e l'ammodernamento di una gru a ponte sopra le operazioni di fonderia della Edward P. Allis Manufacturing Company, di proprietà di Edward P. Allis , che crollò a seguito di un tentativo di spostare un carico oltre il suo sollevamento nominale capacità. La gru ricostruita presentava un sistema semplificato di motori e riduttori per pilotare le funzioni ponte, carrello e paranco sulla macchina di sollevamento, sostituendo un complesso sistema di funi e pulegge che non funzionavano nella versione precedente. Poco dopo, Pawling e Harnischfeger iniziarono a costruire una propria linea di gru a ponte per le operazioni di produzione e magazzino .

Il panico del 1893 causò la caduta della domanda per le gru progettate e costruite da Pawling e Harnischfeger che a quel tempo venivano chiamate "P & H". I partner hanno ampliato la loro linea di prodotti includendo macchine movimento terra al fine di aumentare la capacità della loro azienda di resistere alla prossima recessione economica. Nel 1893 P & H acquisì i motori e controllò i beni di produzione della Gibb Electric Company in seguito all'acquisizione di Gibb da parte della Westinghouse Electric Manufacturing Company, poiché Pawling e Harnischfeger volevano il controllo dell'applicazione dei motori applicati alla loro linea di gru.



Harnischfeger Corporation [ modifica ]
La ditta Pawling & Harnischfeger era diventata nota come Harnischfeger Corporation dopo la morte di Alonzo Pawling nel 1911. [4] Verso la metà degli anni '20, l'azienda era diventata un grande e crescente fornitore di pale cingolate e gru applicate alla costruzione e alle miniere. operazioni - tutte recanti il ​​noto marchio "P & H" che era diventato sinonimo di qualità eccezionale e valore di servizio stabilito da Pawling & Harnischfeger. Nei decenni successivi, le pale e le gru del marchio P & H sarebbero cresciute in termini di dimensioni, capacità e tecnologia di azionamento e controllo. L'azienda ha ampliato la sua linea di prodotti con l'inizio della Grande Depressione , aggiungendo macchinari per saldatura , motori diesel e case prefabbricate alla sua linea di pale e gru P & H.

Morte [ modifica ]
Henry morì inaspettatamente per scompenso cardiaco il 15 novembre 1930 a 75 anni. La gestione attiva della Harnischfeger Company andò poi a suo figlio, Walter Harnischfeger.

La Harnischfeger Mansion, costruita nel 1905, si trova ancora a North 35th St. e West Wisconsin Avenue a Milwaukee



Bucyrus-Erie


Bucyrus-Erie era una società americana di superficie e sotterranee. Fu fondata come Bucyrus Foundry and Manufacturing Company a Bucyrus, Ohio nel 1880. Bucyrus trasferì la sua sede a South Milwaukee, nel Wisconsin nel 1893. Nel 1927, Bucyrus si fuse con la Erie Steam Shovel Company per formare Bucyrus-Erie.

Rinominata Bucyrus International, Inc. nel 1997, è stata acquistata da Caterpillar Inc. in un'operazione da 7,6 miliardi di dollari [7] ($ 8,6 miliardi incluso debito netto), chiusa l'8 luglio 2011. Al momento dell'acquisizione, il prodotto Bucyrus La linea comprendeva una vasta gamma di materiali per la rimozione e la movimentazione dei materiali utilizzati sia nell'estrazione di superficie che in quella sotterranea.


1880-1927 [ modifica ]
Bucyrus è stato uno dei primi produttori di pale a vapore , che operava dalla sede centrale di Bucyrus, Ohio e dall'impianto di produzione. Nel 1893, Bucyrus trasferì le sue operazioni a South Milwaukee, nel Wisconsin. [8]


Una pala del vapore di Bucyrus che funziona nel canale di Panama
Nel 1904 Bucyrus fornì 77 delle 102 pale a vapore usate per scavare il Canale di Panama . [9] Questi erano modelli da novantacinque tonnellate con secchi di cinque cubi che potevano spostare circa otto tonnellate di materiale alla volta. Erano gestiti da un equipaggio di quattro persone. Simile a una locomotiva , l'equipaggio era guidato da un ingegnere e comprendeva due vigili del fuoco che alimentavano la caldaia con carbone e un manovale. Un gruppo di supporto sul terreno di sei uomini ha esteso le rotaie su cui si muoveva la pala mentre gli scavi procedevano. Una famosa fotografia del presidente Theodore Roosevelt fu presa nel novembre del 1906 mentre gestiva una pala di Bucyrus a Panama durante la sua ispezione al canale. Nel marzo del 1910, una sola pala di Bucyrus scavò 70.000 metri cubi su ventisei giorni consecutivi al taglio di Culebra , stabilendo un record di costruzione del canale. Ogni pala ha una media di oltre 1.000.000 di metri cubi di terra scavata al taglio. [


1927-1980 [ modifica ]
La compagnia cambiò il nome in Bucyrus-Erie nel 1927, quando si unì alla Erie Steam Shovel Company , il principale produttore di escavatori del paese in quel momento. [ citazione necessaria ]

Nel 1930 Bucyrus si unì alla compagnia inglese Ruston & Hornsby Ltd Lincoln , in Inghilterra , per formare la società Ruston-Bucyrus Ltd in Inghilterra. Ruston & Hornsby Ltd erano i principali produttori di escavatori a vapore all'epoca, avendo iniziato nel 1874; la fusione ha consentito alla società l'accesso a mercati mondiali precedentemente non disponibili.

1980-2011 [ modifica ]
Ruston & Hornsby Ltd ha venduto la propria quota a Ruston-Bucyrus nel 1985, durante un periodo di recessione e di consolidamento nel settore minerario, mentre si sono spogliati delle attività non strategiche per sopravvivere. [ citazione necessaria ]

Per un periodo negli anni '80 la società fu conosciuta come Becor Western in seguito alla fusione con Western Gear. [ citazione necessaria ]

Il 18 febbraio 1994, Bucyrus-Erie ha presentato istanza di fallimento al Capitolo 11 ed è rimasta sotto la protezione della bancarotta fino al 14 dicembre 1994




La società ha assunto il nome attuale, Bucyrus International, Inc. nel 1997. [ citazione necessaria ]

Bucyrus costruì centinaia di grandi macchine minerarie e attrezzature per l'edilizia in un'intensa competizione contro la concorrente Marion Power Shovel . Bucyrus ha acquisito Marion Power Shovel nel 1997. [ citazione necessaria ]

Il 4 maggio 2007, Bucyrus ha completato l'acquisizione del gruppo DBT, un produttore di minuterie sotterranee con sede a Lunen, in Germania , dalla RAG Coal International AG di Herne, in Germania . Bucyrus ha acquisito DBT perché le attrezzature minerarie sotterranee di DBT hanno integrato i prodotti minerari di superficie di Bucyrus. [ citazione necessaria ]

Nel febbraio 2010, Bucyrus International ha completato un'acquisizione da 1,3 miliardi di dollari USA della divisione di attrezzature minerarie di Terex Corporation . [12]

Il 15 novembre 2010, Bucyrus ha accettato di essere acquisita da Caterpillar in un'operazione per un valore di US $ 8,6 miliardi. Caterpillar ha dichiarato di voler creare un nuovo quartier generale per le attività minerarie nell'ex sede del Bucurus a South Milwaukee. La transazione è stata chiusa a metà 2011. [13]

I diritti di proprietà intellettuale per le gru Bucyrus Erie sono stati acquisiti da Sparrows Group che ha attività di produzione di gru con sede a Houston, in Texas

Bucyrus possedeva i marchi Bucyrus, Bucyrus-Erie, Marion, Ransomes & Rapier e forniva parti OEM e servizi di supporto per macchinari che recano tali marchi. [15]

Storico [ modifica ]
La dragline da passeggiata 4250-W, nota anche come Big Muskie , fu costruita nel 1969, con un secchio da 220 cubi (170 m 3 ) e pesava 13.000 tonnellate. Il secchio di Big-Muskie (170 m 3 ) è attualmente situato fuori McConnellsville, Ohio, in un piccolo parco dedicato all'estrazione del carbone.
Due pale spelatrici 3850-B costruite nel 1962 e 1964, con capacità di benne di 115 e 145 ct (88 e 111 m 3 ).
Il 2570-W o WS, uno dei modelli di dragline più popolari di BE con capacità di benne tra 120 e 160 cu yd (92 e 122 m 3 ).
La Silver Spade e il suo gemello il GEM dell'Egitto, 1950B Le pale di spogliatura, sono state costruite rispettivamente nel 1965 e nel 1967, con una capacità del secchio di 80 m 3 (100 mc). The Silver Spade è stato demolito nel 2007. Molti video possono essere visti lavorando su Bennetshovel su Youtube.com
La pala di spelatura Big Brutus , una 1850-B, fu costruita nel 1962, con un secchio di 90 yard. Attualmente si trova a West Mineral , nel Kansas, come l'enorme centro di un museo.
Il Bucyrus-Erie 50-R, un colosso alto più di un metro e ottanta e alto 11 piani che ospitava una massiccia esercitazione, fu il responsabile del salvataggio di due minatori durante il disastro minerario di Sheppton, in Pennsylvania nel 1963. [16]
Le draglines da 1250-B / W e 1260-W, con secchi da 33 a 45 cu yd (25 e 34 m 3 ).
La dragline da 5-W, con un secchio da 5 cubi (3,8 m 3 ) e prodotta fino al 1970 circa;

Marion Power Shovel Company di Marion , Ohio , progettò il trasportatore cingolato usato per trasportare i razzi Saturn V e gli Space Shuttles sulle loro piattaforme di lancio .


Bucyrus International, Inc.
Bucyrus-Erie logo.svg
Tipo precedente
Controllata di Caterpillar Inc.
Industria Fabbricazione di macchinari
Destino Acquistato da Caterpillar Inc.
Predecessore
Bucyrus Foundry and Manufacturing Company (1880-1893)
Bucyrus Steam Shovel and Dredge Company of Wisconsin (1893-1895)
The Bucyrus Company (1895-1911)
Bucyrus Company (1911-1927)
Società Bucyrus-Erie (1927-1996)
Fondato Bucyrus , Ohio , Stati Uniti (1880 )
Fondatore Daniel P. Eells et al.
defunto Luglio 2011
Quartier generale South Milwaukee , Wisconsin , Stati Uniti
Area servita
In tutto il mondo
Prodotti
8750 Dragline
Escavatore idraulico RH400
MT6300AC Mining Truck
Servizi Manutenzione
Sito web www .bucyrus .com
Note a piè di pagina / riferimenti
[1] [2] [3] [4] [5] [6]


Marion Power Shovel Company



La Marion Power Shovel Company era una società americana che progettava, produceva e vendeva pale a vapore , pale di potenza , trivelle per perforazione , escavatori e escavatori a cingoli per l'impiego nell'industria edilizia e mineraria. La società era un importante fornitore di pale a vapore per la costruzione del Canale di Panama . La compagnia ha anche costruito i due trasportatori cingolati usati dalla NASA per trasportare il razzo Saturn V e successivamente lo Space Shuttle per le loro trampolini di lancio.

Fondata a Marion, nell'Ohio nell'agosto del 1884 da Henry Barnhart, Edward Huber e George W. King come Marion Steam Shovel Company , la società è cresciuta attraverso le vendite e le acquisizioni nel corso del 20 ° secolo. La società cambiò il suo nome in Marion Power Shovel Company nel 1946 per riflettere il cambiamento del settore dall'energia a vapore al diesel.

La società cessò di essere un'entità indipendente quando fu venduta, diventando la divisione Marion di Dresser Industries nel 1977. Nel 1992 Dresser staccò la divisione Marion e alcuni altri beni in una holding che sarebbe poi diventata nota come Global Industrial Technologies, Inc Global ha messo in vendita la divisione Marion nel 1997 e il suo rivale di lunga data Bucyrus International ha acquistato la divisione per 40,1 milioni di dollari. Bucyrus ha integrato i prodotti della divisione Marion nella linea di prodotti Bucyrus, quindi ha chiuso la struttura di Marion, Ohio.
Marion Steam Shovel Company [ modifica ]
La Marion Steam Shovel Company fu fondata da Henry Barnhart, George W. King e Edward Huber nell'agosto del 1884. Mentre pale di vapore erano state fatte prima di questa data negli Stati Uniti, Barnhart persuase Huber a sostenere finanziariamente il suo progetto, che incorporava un supporto benna rispetto ad altre marche. Barnhart e Huber brevettarono i cambiamenti di Barnhart sotto il brevetto degli Stati Uniti n. 285.100 il 18 settembre 1883. Un elemento del progetto di Barnhart era l'uso di barre di ferro solido (anelli di maiale) per sostenere il boom della pala, che era più forte della semplice catena. [ citazione necessaria ]


Marion Model 91, Culebra Cut, Panama Canal
Questa macchina ha stabilito il record nel luglio 1908 per la movimentazione di 53.000 metri cubi (41.000 m 3 ) di terra in 25 giorni di otto ore dopo l'inizio della gestione del progetto americano. Marion costruì grandi e piccole pale a vapore per gli appaltatori edili, le ferrovie e il Corpo di ingegneri dell'esercito statunitense che stavano costruendo il Canale di Panama in quel momento. L'azienda, tra il 1902 e il 1911, ha spedito 112 pale a Panama per la costruzione del canale. [1]

Un modello 91 di Marion , il tipo utilizzato nel Canale di Panama , è stato inserito nel Registro nazionale dei luoghi storici nel 2008. [2] Marion ha ottenuto il maggior successo con le pale degli appaltatori della serie 20 (vedi pala a vapore ). [ citazione necessaria ]

Durante il progetto Marion Shovels ha battuto i record del mondo in quantità di terra cubica spostata entro un dato periodo di tempo (1908) e la maggior quantità (8 tonnellate) sollevata da un singolo secchio (1911). [ citazione necessaria ]

Le pale Marion Type 22 e Type 28 erano le più popolari. Erano la pala completamente rotante, gommata o cingolata. Circa 800 furono costruiti dal 1905 al 1930. Gli appaltatori e i costruttori di strade li trovarono molto utili. Marion costruì anche draghe galleggianti da progetti di bonifica e le famose draghe d'oro Klondike a Dawson City . Furono anche costruite pale di trincea, pale spianatrici, pale per rotaie e linee di trascinamento. Sono state costruite grandi pale per le miniere a cielo aperto dell'Ohio. Verso la fine degli anni '30, il vapore cedette il posto al motore diesel.

Nel 1911 il 90% di tutte le benne a vapore e pale a benna di grandi dimensioni furono prodotte a Marion Ohio, che era anche la sede di Osgood Steam Shovel, Fairbanks Steam Shovel e General Excavating Corporation. (Il concorrente Bucyrus Steam Shovel è stato fondato a 15 miglia (24 km) da Marion nella vicina Bucyrus, Ohio , la compagnia si è trasferita poco dopo a Milwaukee, Wisconsin, dopo che i funzionari della città di Bucyrus si sono rifiutati di approvare i piani di espansione della compagnia.) [ Citazione necessaria ]

File: Marion 111-M Dragline at New Athens, Ohio.ogv Riproduci contenuti multimediali
Marion 111-M Dragline in azione. (30 secondi)
Verso la fine della prima guerra mondiale la compagnia ha assemblato i cannoni ferroviari M1918 utilizzando una pistola di difesa costiera di 12 pollici calibro 45 M1895 riproposta. L'unico esempio rimasto è stato conservato a scopo di test presso il Naval Surface Warfare Center Dahlgren VA fino al 2011, quando è stato spostato a Fort Lee, VA per l'inclusione nel Centro di addestramento e patrimonio militare dell'esercito americano. [1]


Marion Power Shovel [ modifica ]
Nell'aprile del 1946, la società cambiò il nome in Marion Power Shovel Company per riflettere più da vicino i suoi prodotti. [3]

Marion costruì la sua prima dragline a piedi nel 1939 e divenne un attore chiave nella fornitura di enormi pale da sparo all'industria del carbone, essendo stata la prima a lanciare una paletta spianatrice a rotazione lunga per lavorare in Nord America nel 1911. La successione di Marion di pale giganti, molte record di dimensioni mondiali, a partire da The Mountaineer nel 1956, che era di 16 piani, e in grado di spostare una pala di circa 90 tonnellate, che era negli anni '50 una delle pale più potenti del mondo. [4] I grandi modelli di pale di Marion alla fine culminarono nella più grande del mondo: la Marion 6360 del 1965. Il 6360 della Captain Mine, Illinois, funzionava con un mestolo da 180 metri cubi (138 metri cubi). Con un peso stimato di 15.000 tonnellate (13.600 tonnellate), questa macchina detiene ancora il record di macchina da terra mobile più pesante mai costruita. [ citazione necessaria ]


Uno dei due trasportatori cingolati costruiti da Marion e utilizzati dalla NASA per il trasporto di missili
Marion ha anche progettato e costruito il NASA Crawler-transporter utilizzato per trasportare sia il razzo Saturn V, che ha supportato il lancio del programma Apollo per l'esplorazione umana della Luna , così come lo Space Shuttle, fino alle piattaforme di lancio del Kennedy Space Center in Florida

Acquisizione di Osgood Company [ modifica ]
Nel 1955, Marion Power Shovel acquisì la sua rivale crosstown, la Osgood Company , che fabbricò pale sotto i marchi Marion-Osgood e Osgood . La linea di prodotti di Osgood ha completato Marion Power Shovel's, con la maggior parte della linea di prodotti di Osgood focalizzata su pale, gru e dragline che erano macchine a capacità limitata rispetto alla linea di Marion, che si concentrava sempre più sulle linee di trascinamento di fascia alta. Osgood ha anche costruito unità mobili predisposte per la strada che utilizzavano carrelli elevatori per camion Mack. [

[img]La Marion Power Shovel Company fu rifinita dalla direzione alla fine degli anni '60 con la sola garanzia dell'azionista principale, il miliardario Henry Hillman , di Pittsburgh, Pennsylvania e PNC Bank . Nel 1977, Dresser Industries, Inc. acquistò Marion Power Shovel per circa 250 milioni di dollari USA. La società è passata da 1.500 dipendenti nel 1974 a oltre 3.200 dipendenti nel 1978 sotto la direzione di Putt McDowell durante la massiccia crescita della domanda di estrazione del carbone verso la fine degli anni '70. [ citazione necessaria ]  Nel 1992, Dresser Industries aveva deciso di abbandonare la produzione di attrezzature industriali e minerarie. I beni interessati, compresa la divisione Marion, entrarono a far parte di Indresco , una holding creata da Dresser nel 1992 e poi scorporata dagli azionisti Dresser. [6] Il 1 novembre 1995, Indresco cambiò il suo nome in Global Industrial Technologies, Inc. [7]  Il 23 gennaio 1997, Global Industrial Technologies ha annunciato che stava cedendo alcuni beni, tra cui la divisione Marion. [8] Global Industrial Technologies ha venduto la Marion Power Shovel Company, che ha registrato entrate per 114,4 milioni di dollari USA nel 1996, per 40,1 milioni di dollari USA a Bucyrus International, Inc. il 23 luglio 1997. [9] [10] [11] l'acquisizione, Bucyrus International, ha chiuso la fabbrica di Marion Power Shovel Company a Marion, Ohio. [ citazione necessaria ]  Archivi storici e archivi per Marion Power Shovel sono stati divisi tra Bowling Green, l'Ohio Construction Equipment Association dell'Ohio e la Marion County Historical Society a Marion, Ohio. [[/img]

ndustria Fabbricazione di macchinari
Destino Acquisita
Successore Bucyrus International, Inc.
Fondato Marion , Ohio , Stati Uniti, agosto 1884
Fondatore Henry Barnhart
Edward Huber
George W. King
defunto 23 luglio 1997
Quartier generale Marion, Ohio , Stati Uniti
Area servita
In tutto il mondo
Prodotti
Escavatore elettrico 6360
Escavatore dragline 351M




fiorentini

L'ingegnere Filippo Fiorentini fondò la fabbrica di escavatori Fiorentini & CSpA nel 1919 a Roma, in Italia . Ha importato e distribuito attrezzature per l'edilizia. Durante il periodo del fascismo , le restrizioni vietate l'importazione e l'Ing. Fiorentini ha avviato il suo stabilimento di produzione in Via Tiburtina presso la Stazione Tiburtina (San Lorenzo, a Roma) per la costruzione di escavatori quali scraper / dragline e gru con licenza di un'azienda americana denominata Bucyrus .

I primi escavatori (modelli FB35 e FB38) furono interamente costruiti sul sito dal 1930 al 1940. Intorno agli anni '30, Fiorentini aprì anche uno stabilimento a Fabriano .

Le macchine Fiorentini assistettero a tutte le principali opere pubbliche italiane degli anni '30 [ citazione necessaria ] . Nuovi modelli furono programmati per essere prodotti, ma furono ritardati dalla seconda guerra mondiale . Durante la guerra, nel 1943, 117 operai morirono nella fabbrica attaccata dalle bombe sganciate dall'esercito americano (Grassi, 2012). Ing. Filippo Fiorentini e sua moglie morirono poco dopo a causa del cuore infranto. Il loro unico figlio, Giuseppe, anche lui ingegnere, ebbe il coraggio di iniziare una nuova attività imprenditoriale, e nel 1951 ebbe un tale successo da essere classificato ai vertici dei contribuenti di Roma. L'Ing.F.Fiorentini & CSPA si è spostato ulteriormente lungo la strada Tiburtina, verso un impianto più grande, più moderno e molto efficace. Dopo la seconda guerra mondiale , la società produsse FB50, 60, 100 e l'enorme FB200 che poteva contenere 1000 tonnellate. Negli anni '60 ci furono alcune modifiche al design. La società ha anche prodotto bulldozer e escavatori idraulici. Studiando il russo, l'Ing. Giuseppe viaggiò in Unione Sovietica e vendette due grossi contratti con il loro ministero Machino Import, di circa 1000 gru da utilizzare nell'enorme progetto del gasdotto transiberiano.

A quel tempo la Compagnia aveva vinto una battaglia tecnica e commerciale contro altre compagnie tedesche molto più grandi di quelle dell'Ing. F.Fiorentini & C. di Roma. Poiché le vendite erano forti, sia in Italia per la ricostruzione, sia in Russia, la compagnia aveva assunto fino a 1000 dipendenti, che lavoravano in tre stabilimenti (Roma, Fabriano, in Italia) e Toronto, Ontario , Canada
Nel 1956 il conte Giuseppe Fiorentini acquistò un secondo castello dopo il castello di San Gallo a Nettuno , dal principe Barberini, la tenuta agricola e il castello di San fabiano . Località di caccia, San Fabiano è stato utile per le sue relazioni pubbliche, dove ha invitato molti dei suoi clienti, come l'ambasciatore russo Rijov e Mac Cormick di International Harvester . L'azienda infatti stava progettando e producendo gru, escavatori e impianti di frantumazione e rappresentava per l'Italia la linea industriale di HI

Ma negli anni sessanta, le cose cominciarono a declinare economicamente. Dopo una battuta d'arresto nella sua industria a Roma, approfittò di una riforma nazionale, che fermò bruscamente le regole centenarie di MEZZADRIA, dove il proprietario era il proprietario di tutto e i contadini che vivevano nelle fattorie con le mucche, e non stavano pagando un affitto, ma l'uscita del loro lavoro sarebbe stata divisa 50/50 con il proprietario.

Nel 1975, l'ingegnere Giuseppe Fiorentini, figlio del fondatore dell'azienda, ha presentato istanza di fallimento e la società è stata ottenuta gratuitamente da un'altra società italiana di nome Gepi. Gepi cambiò il nome in Nuova Fiorentini, che significa "Nuovi Fiorentini".




Big Muskie





Big Muskie era un escavatore a benna di carbone Bucyrus-Erie, di proprietà della Central Ohio Coal Company (precedentemente una divisione di American Electric Power ), del peso di 13.500 tonnellate (12.200 t) e alto quasi 22 piani. Ha funzionato nello stato americano dell'Ohio dal 1969 al 1991

Specifiche di progettazione e servizio [ modifica ]
The Big Muskie era un modello 4250-W Bucyrus-Erie dragline (l'unico mai costruito). Con un secchio da 220 cubi (170 m 3 ), è stata la più grande macchina di scavo a benna singola mai creata e una delle più grandi macchine mobili terrestri al mondo insieme alla pala di spogliatura Marion 6360 dell'Illinois chiamata The Captain and the Escavatori gommati tedeschi della famiglia Bagger 288 e Bagger 293 . [1] Nel 1969 costava $ 25 milioni, l'equivalente di $ 167 milioni oggi regolato per l'inflazione. [2] Il suo secchio potrebbe contenere due bus Greyhound fianco a fianco. Ci sono volute oltre 200.000 ore di lavoro da costruire per un periodo di circa due anni.


sdia/ricambi/28/ricambi_rustonbucyrus_(4).jpg[/img]
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
el magutt

avatar

Messaggi : 2201
Data d'iscrizione : 09.11.13
Età : 60
Località : leno lombardia brescia

MessaggioTitolo: Re: escavatore dragline   Dom Feb 25, 2018 10:36 am

ESCAVATRICI, MACCHINE. - Nelle opere dell'ingegneria civile per cui si renda necessaria la rimozione di grandi masse di terreno, come la costruzione di strade e ferrovie, la fondazione di dighe, l'apertura di canali, la fondazione di edifici importanti ecc. e nelle opere dell'ingegneria marittima e fluviale che comportano ingente lavoro di scavo come la costruzione e la manutenzione dei porti, dock, la manutenzione e la regolazione di fiumi e canali ecc., si ricorre all'impiego delle macchine escavatrici che rispetto al lavoro dell'uomo offrono il vantaggio di un maggior raggio di scavo e di una maggiore potenza, cosicché permettono di operare con grande risparmio di spesa e di tempo. Tali macchine si suddividono in due principali categorie: gli escavatori, impiegati per lo scavo in terreni asciutti, e le draghe, impiegate negli scavi subacquei.

Escavatori. - In linea generale un escavatore (fr. excavateur; sp. excavador; ted. Exkavator; ingl. excavator) è costituito da una incastellatura, mobile su cingoli o su rotaie, che porta la cabina di manovra, con il motore e i comandi, e l'apparecchio escavatore. La marcia su rotaie è usata per gli escavatori più pesanti; in tal caso man mano che l'escavatore avanza è necessario spostare i binarî o a mezzo di uomini o, più economicamente, con macchine speciali. La marcia su cingoli presenta vantaggi non indifferenti sulla precedente: permette l'eliminazione del binario, e quindi del lavoro necessario al suo spostamento, e una rapida dislocazione anche su terreno difficile.

Per l'azionamento si usano motori a vapore, elettrici o endotermici. Il motore endotermico ha rispetto al motore a vapore il vantaggio di una pronta messa in funzionamento, indipendenza dell'approvvigionamento d'acqua, nessuna perdita negl'intervalli di riposo; rispetto al motore elettrico presenta il vantaggio della indipendenza dalla fornitura di corrente e quindi gli è preferibile ogni qual volta si rendano necessarî continui cambiamenti di località. D'altra parte anche l'azionamento elettrico offre i suoi vantaggi: peso minimo, marcia tranquilla, regolarità di funzionamento, assenza di gas di scarico, ecc.; il motore endotermico ancora non può avviarsi sotto carico, né invertire il senso di marcia, per cui si rende necessaria l'applicazione di un innesto a frizione con invertitore del moto o di un gruppo di pulegge fissa-folle. Sono anche usati gli azionamenti Diesel-elettrico e Diesel-pneumatico che riuniscono i vantaggi principali del motore endotermico con quelli del motore elettrico e rispettivamente del motore a vapore.

L'escavatore a benna mordente è costituito da un telaio mobile per lo più su cingoli, sul quale è appoggiata una piattaforma con dispositivo tale che le permette di compiere un intero giro intorno al proprio asse verticale. Sulla piattaforma trovano posto la cabina per il motore e gli organi di manovra e, nella parte anteriore, una trave simile a quella di una gru, sorretta da cavi di contravventamento. All'estremità della trave è sospesa una benna a mezzo di una fune che, avvolgendosi o svolgendosi su un verricello posto sulla piattaforma e comandato dal motore, permette di sollevare o abbassare sino all'altezza voluta la benna stessa. Questa è composta di due mascelle di acciaio, coi bordi rinforzati e muniti di denti di acciaio speciale, imperniate a un telaio tenuto dalla fune di sospensione e a un secondo telaio mobile rispetto al primo e comandato nei suoi spostamenti relativi da una fune di manovra; la capacità di una benna può variare dai 0,5 mc. ai 2 mc. Per eseguire le operazioni di scavo si abbassa la benna aperta sino a che essa si posi sul terreno, dove, a causa del peso proprio, affonda i bordi. Allora, agendo sulla fune di manovra, si chiudono le mascelle; queste, di conseguenza, mordono il terreno e la benna si riempie. Si solleva la benna e si fa ruotare tutta la piattaforma. Quando la benna si viene a trovare sul luogo di scarico, se ne aprono le mascelle e si lascia cadere il materiale contenuto in essa. La piattaforma ruota allora in senso inverso e torna nella sua prima posizione; quindi si ripetono le operazioni. Questo tipo di escavatore si può usare solo in terreni poco compatti, come sabbia, argilla, ecc., o in presenza di acqua, e conviene per pozzi, fondazioni, ecc. Si usa anche per rimuovere materiale alla rinfusa.

L'escavatore a benna trascinata ha struttura simile al precedente ma ha per utensile di scavo una benna parallelepipeda, aperta in due lati, sospesa all'estremità della trave mediante il cavo di sollevamento. Essa è ancora collegata a un cavo di trascinamento che va ad avvolgersi su un verricello posto sulla piattaforma. La benna è lanciata sul terreno in cui si vuole operare lo scavo e, mediante il cavo di trascinamento, viene tirata, radente al suolo, verso l'incastellatura della macchina; per effetto del proprio peso essa raschia il terreno e si riempie. Allora si fa rotare tutta l'incastellatura e, quando è giunta sul luogo di scarico, si rovescia la benna.

Questo escavatore è adatto solo per terreni leggieri e per lo scavo di fossi e in genere per tutti i lavori sotto al suo piano di posa; ha portata molto limitata e, per aumentarne la mobilità, viene montato su cingoli.

Lo stesso procedimento è impiegato negli escavatori a fune portante e benna trascinata, che però hanno portata molto maggiore; essi possono operare per un raggio sino a 400 m. e per profondità di scavo fino a 30 m. Una torre di legno o di acciaio, posta su solide fondazioni e assicurata con cavi di ancoraggio, si eleva per un'altezza che può raggiungere i 40 m. Presso la base di essa sono posti il motore e i tamburi su cui si avvolgono i cavi operatori. Alla cima della torre è attaccato un paranco la cui fune viene comandata dal posto di manovra e che sostiene il capo di un robusto cavo aereo che corre sopra la zona in cui deve essere operato lo scavo; questo cavo è sostenuto alla seconda estremità da una puleggia portata da una bassa torre ed è ancorato fortemente al terreno. Un carrello che porta la benna e il meccanismo per il rovesciamento di questa è guidato sul cavo aereo a mezzo di una fune di trazione, comandata anch'essa dal posto di manovra. Il modo di operare è il seguente: si lascia scorrere il carrello della benna per azione della gravità lungo il cavo aereo sino a raggiungere il punto da cui si vuole iniziare lo scavo, allora si molla la fune di tensione in modo che il cavo aereo si abbassi e la benna vada ad affondarsi nel terreno. L'operatore quindi tira la fune di trazione sino a che la benna, raschiando il terreno, si riempie; poi tira contemporaneamente il cavo di tensione e quello di trazione in modo che la benna viene innalzata e trasportata verso la torre. Quando la benna è giunta vicino a questa, per mezzo di una disposizione speciale delle funi di sospensione si rovescia e si scarica. La potenzialità di tali impianti può variare da un minimo di 10 mc. all'ora a un massimo di 100 mc. all'ora a seconda della lunghezza e profondità dello scavo e della natura del terreno. Possono aversi anche impianti di tipo mobile, con la torre scorrevole su binario o equipaggiata con trattrice stradale. La torre può allora mancare di cavi di contravventamento ed essere munita di contrappesi che equilibrano la tensione del cavo aereo.

L'escavatore a cucchiaio è anch'esso costituito, come i tipi a benna, con piattaforma girevole e una trave da gru nella parte anteriore di essa. A differenza dei tipi suddetti esso porta, articolato a un certo punto della trave, un braccio alla cui estremità è fissato il cucchiaio, utensile di scavo. Il braccio è articolato alla trave mediante un dispositivo a dentiera che gli permette spostamenti di avanzamento; esso può inoltre compiere rotazioni nel suo piano verticale. Il cucchiaio è di costruzione solida e resistente; esso è fatto di acciaio speciale e ha il bordo anteriore rinforzato da una piastra di protezione in acciaio duro e armato di denti che vengono a formare una specie di pettine, adatto a rompere i terreni compatti. Nella sua parte posteriore il cucchiaio è chiuso da uno sportello, girevole intorno al suo bordo superiore e che si può aprire agendo su una fune. La sua capacità può essere molto diversa da escavatore a escavatore, a seconda delle esigenze a cui si deve soddisfare; piccoli escavatori, usati per i lavori leggieri, come gli scavi per fondazioni di fabbricati, hanno cucchiai da o,5 a 1 mc., mentre i più grandi escavatori usati nei lavori di maggiore entità, come nei lavori di miniera, hanno cucchiai di capacità fino a 15 mc. L'escavatore a cucchiaio lavora al disopra del suo piano di posa: esso si dispone in modo che il bordo attivo del cucchiaio sia premuto contro la scarpata da sterrare e, mediante la fune di sollevamento, si fa compiere al braccio portacucchiaio una rotazione verso l'alto: in tale movimento il cucchiaio morde il terreno e si riempie. Nei tipi più perfetti il riempimento è quasi completo e il rendimento volumetrico può valutarsi a circa il 90÷95%. Si fa poi rotare tutta l'incastellatura sino a che il cucchiaio venga a trovarsi sopra i vagonetti destinati allo scarico; quindi, agendo su apposita fune, si apre lo sportello del cucchiaio e si lascia cadere il materiale nei vagonetti. Chiuso lo sportello, si riporta l'incastellatura nella posizione primitiva, si abbassa il braccio portacucchiaio e lo si fa avanzare fino a premere nuovamente il terreno; poi si ripetono le operazioni dette. L'escavatore a cucchiaio è conveniente per terreni di qualsiasi natura e per lavori di sterro d'ogni tipo (attacco laterale, frontale e in cunetta). La sua velocità di lavoro, dipendente dalla natura del terreno, dall'abilità di manovra, dalla regolarità e celerità dello scarico, ecc., può variare di molto; molto varia può quindi essere la sua potenzialità: nelle migliori condizioni possono raggiungersi i 500 mc. all'ora. Questi grandi escavatori possono avere un raggio d'azione sino a 34 m. e lavorare a un'altezza di scavo fino a 28 m. sul piano di posa.

Un escavatore a cucchiaio può facilmente trasformarsi in escavatore a cucchiaio rovescio per eseguire scavi di sezione molto ristretta, come per fondazioni, fosse per posa di tubazioni, ecc.: in tal caso esso lavora inferiormente al suo piano di posa; in escavatore a pala a ramazzo, utile per lavori stradali, come livellamenti, formazione del piano stradale, ecc.: esso scava allo stesso livello e leggermente al disotto del piano di posa; in escavatore a benna mordente, a benna trascinata e ancora in una gru e in un battipali.

L'escavatore a tazze porta in un fianco dell'incastellatura una trave elinda, articolata normalmente in tre punti e sospesa a capre fisse sull'incastellatura; dall'altro fianco della piattaforma il peso dell'elinda può essere equilibrato con contrappesi mobili. L'elinda porta ai capi due tamburi su cui è avvolta una catena; a questa catena sono fissate le tazze escavatrici. Per tutta la lunghezza dell'elinda la catena è sostenuta da un conveniente numero di rulli. Il tamburo superiore è azionato dal motore e trasmette il movimento alla catena delle tazze. Queste possono percorrere, movendosi sempre in un piano verticale, sia una linea retta, orizzontale o inclinata, sia una linea spezzata. Quando l'escavatore lavora le secchie del ramo inferiore affondano i bordi nel terreno per effetto del peso proprio e dell'elinda e, raschiandolo nel loro movimento, si riempiono. Giunte al tamburo motore, rovesciano il materiale che contengono in una tramoggia, sotto cui passano i vagonetti che debbono trasportare il materiale allo scarico; in essi si lascia cadere il materiale aprendo lo sportello a ventola della tramoggia. Sotto la tramoggia possono anche disporsi vagli per escludere le pietre o per separare sabbia, ghiaia, ecc. Per piccole distanze, non oltre i 40 m., può operarsi lo scarico, anziché con treni di vagonetti, mediante nastro trasportatore che, partendo dal fianco della piattaforma opposto a quello da cui parte l'elinda serve anche da contrappeso. Per materiali fangosi si usa anche lo scarico su doccioni. Gli escavatori a tazze hanno il vantaggio di dare scarpate nette e possono raggiungere prestazioni molto grandi, anche sopra i 1000 mc. all'ora. Essi possono venire usati solo per terreni leggieri e puri.

Gli escavatori di fossi hanno anche essi per organo di scavo una catena di tazze portata da un telaio montato su cingoli. Le tazze sono in lamiera di acciaio con labbro dentato ricambiabile e sono fissate alla catena in modo che si possa regolare la loro inclinazione. L'estremità dell'elinda è munita di eliche a pale d'acciaio che spingono il materiale verso le tazze. Essi servono per scavare fossi stretti e profondi (60÷110 cm. di larghezza; profondità fino a 8 m.) in terreni di qualsiasi natura. La loro potenzialità può raggiungere i 150 mc. all'ora. Il materiale scavato viene scaricato nei carri destinati al trasporto a mezzo di una tramoggia o di un nastro trasportatore.

Draghe. - Una draga (fr. drague; sp. draga; ted. Bagger; ingl. dredger) è nelle sue linee generali costituita da un galleggiante, di forma adatta per conseguire la massima stabilità durante le operazioni di scavo, su cui sono posti l'apparato dragante e l'apparato motore che, con opportuni innesti, può servire tanto alla propulsione del galleggiante quanto all'azionamento dell'apparato dragante. Il motore può essere a vapore, elettrico o Diesel-elettrico.

Le draghe possono classificarsi sotto differenti punti di vista: così si distinguono draghe marine e draghe fluviali a seconda che esse siano destinate a lavori rispettivamente marittimi o fluviali; differiscono tra loro per l'equipaggiamento, dovendo le prime resistere alla violenza delle onde ed esser capaci di effettuare talvolta lunghe traversate per raggiungere il luogo di lavoro. Le draghe marine sono perciò simili a navi, mentre le fluviali hanno forma di zatteroni. Si possono ancora distinguere draghe portatrici e draghe non portatrici: le prime accumulano in compartimenti del galleggiante i materiali dragati per poi trasportarli esse stesse allo scarico; le seconde, contemporaneamente al lavoro di scavo, scaricano il materiale, man mano che viene dragato, in barconi che vengono poi rimorchiati al luogo di scarico dove si vuotano aprendo sportelli o valvole di fondo; altri mezzi di scarico dalle draghe sono i doccioni inclinati, i trasportatori a nastro, le dilavatrici. In questo ultimo caso il materiale di scavo, misto ad acqua addizionale, viene spinto con una pompa attraverso una condotta galleggiante, la cui lunghezza può talvolta raggiungere valore considerevole, sino ai 2500 m.

Ma, con classificazione analoga a quella già usata per gli escavatori, possiamo distinguere: draghe a benna, a cucchiaio, a tazze, aspiranti.

Le draghe a benna, simili per disposizione e metodo di lavoro agli analoghi escavatori, si usano in caso di spazio molto ristretto, per lavori di sgombro, per scavi disposti lungo i muri di sponda, per profondità notevolmente variabili; hanno bassa potenzialità, non oltre i 50 mc. all'ora, e dànno uno scavo irregolare. Durante il lavoro si ancora il galleggiante con due ancore anteriori e due posteriori.

Le draghe a cucchiaio, simili anch'esse agli analoghi escavatori, possono lavorare su qualsiasi fondo, anche sui più duri e pesanti. Esse sono largamente usate in America. Nel canale di Panamá sono usate per la manutenzione tre draghe con cucchiaio da 15 metri cubi: una di queste macchine può scavare sino a 1000 mc. all'ora,cioè 25 tonn. per minuto. Le draghe a cucchiaio possono lavorare sino a profondità di 15 m.; durante il lavoro lo scafo viene sostenuto con ancoraggi.

Nelle draghe a tazze l'elinda, a differenza che negli escavatori, non ha snodi; essa è imperniata orizzontalmente alla sommità dell'incastellatura, passa attraverso un'apposita apertura del galleggiante e poggia l'estremità sul fondo da scavare. Essa può esser posta a prua o a poppa o nel centro del galleggiante; nei primi due casi la prua o la poppa presenta un taglio per permetterle il passaggio, nel terzo caso essa attraversa un pozzo aperto nel centro del galleggiante. Quando l'elinda è a prua o nel centro del galleggiante, essa è rivolta verso la parte anteriore della draga; quando è situata a poppa, è diretta verso la parte posteriore. A seconda della profondità che si deve raggiungere, l'elinda assume un'inclinazione variabile, ma che non conviene sia troppo grande per potere smorzare le oscillazioni che le possono venir impresse dalle onde: in genere l'inclinazione è limitata a 45° per le draghe fluviali e a 30° per le marine. Le tazze hanno capacità variabile da draga a draga, dai 15 ai 1000 litri e talvolta 1500 litri; sono di costruzione molto robusta in lamiera o in acciaio fuso o con struttura mista, rinforzate verso i bordi e talvolta provvedute di denti per penetrare materiali duri. La catena delle tazze è mossa dal tamburo superiore, azionato dal motore; per evitare che si trasmettano al motore bruschi arresti o sovraccarichi, la trasmissione tra motore e tamburo deve essere elastica. Le draghe a tazze sono usate per sabbie o ghiaie e possono essere fornite di un apparecchio di lavaggio e di un separatore per il trattamento dei materiali dragati. La loro potenzialità può superare i 900 e talvolta i 1100 mc. all'ora. Queste draghe effettuano il loro lavoro contro corrente, ormeggiate mediante un lungo cavo a un'ancora di prua, e ad ancore laterali: manovrando i cavi d'ormeggio laterali, esse si spostano per tutta la larghezza del taglio, oscillando intorno all'ancora di prua, e asportano una striscia di terreno; si ala il cavo di prua e si ripetono quindi le operazioni.

Le draghe aspiranti portano una tubazione la cui bocca va a poggiare sul fondo delle acque e può raggiungere profondità anche di 30 m.; una pompa centrifuga aspira attraverso essa i materiali misti ad acque. La miscela viene convogliata m compartimenti del galleggiante o spinta sino al luogo di scarico attraverso una condotta galleggiante. Esse rappresentano il sistema più economico per i lavori in sabbia, ghiaia, fango e in genere materiali fluidi. I terreni fluidi vengono senz'altro aspirati attraverso la bocca imbutiforme della tubazione. Per terreni più compatti, come terra argillosa o torbosa, la bocca aspirante si munisce di un disintegratore a coltelli elicoidali, che, messo in rotazione, disgrega i materiali e ne rende possibile l'aspirazione. Le draghe aspiranti hanno potenzialità molto grande, superiore a tutti gli altri tipi di draghe, che può giungere sino a 6500 mc. all'ora. Per esempio, una draga Bucyrus, del tipo aspirante, ha una tubazione da 76,2 cm. di diametro con pompa azionata con motore Diesel da 3000 HP; è munita di un disintegratore a coltelli azionato da un motore Diesel da 650 HP.

Draghe per lo sfruttamento dei depositi alluvionali. - Sono usate per estrarre dal fondo delle acque i depositi alluvionali che contengono minerali di platino, oro e stagno. Il tipo di draga più adatto per tale scopo è quello a tazze. Una catena di tazze dai 70 ai 550 litri di capacità deposita il materiale scavato in una tramoggia che lo distribuisce a un vaglio a tamburo rotante; in questo il materiale viene lavato e classificato, le ghiaie e le sabbie più grosse sono scartate e le più fine, che contengono i minerali, passano attraverso i fori del vaglio ad apposite tavole dove il minerale si deposita. Un trasportatore a nastro riceve i materiali di scarico dal vaglio e li scarica da poppa. Una pompa fornisce l'acqua necessaria per il trattamento del materiale.

Le draghe aspiranti non sono convenienti per depositi di oro o platino, perché esse tendono a raccogliere le particelle più leggiere, lasciando che le particelle di minerali, più pesanti, rimangano depositate nel fondo; ma esperimenti eseguiti in depositi di stagno hanno dato risultati molto soddisfacenti, essendo il peso specifico di questo minerale considerevolmente inferiore a quello del platino e dell'oro.



màcchina
màcchina (ant. màchina) s. f. [dal lat. machĭna, che è dal gr. dorico μαχανά, attico μηχανή]. – 1. In senso storico e antropologico, qualsiasi dispositivo o apparecchio costruito collegando opportunamente due o più elementi in modo che il moto relativo...
escavatóre
escavatóre s. m. e agg. (f. -trice) [der. di escavare]. – 1. s. m., non com. Chi scava, chi fa operazioni di scavo, chi fa o dirige scavi archeologici. 2. agg. Adoperato per scavare: carro escavatore, sinon. di ruspa. In partic., macchina escavatore (anche...
I


RUSTON BUCYRUS


Breve storia.

Ruston - Bucyrus Ltd è una società di ingegneria fondata nel 1930 e di proprietà congiunta di Ruston e Hornsby con sede a Lincoln, in Inghilterra e Bucyrus -Erie con sede a Bucyrus, Ohio, l'ultima delle quali aveva il controllo operativo e in cui è stata trasferita a l'operazione di produzione di escavatori di Ruston e Hornsby. Durante la seconda guerra mondiale, sotto gli ordini di Winston Churchil, la società aveva sviluppato una macchina per il taglio di trincee nota come Coltivatore n. 6 nel codice l. Ruston - Bucyrus Ltd. è stata acquisita nel 2005 dai fratelli Paul e Frank Murray come co-direttori. Escatori Gradualmente Universali creazione di Bucyrus - Erie sostituì Ruston e Hornsby progettò modelli. Ruston - Bucyrus ha costruito macchine più grandi per il mercato britannico dei progetti Bucyrus - Erie. Il Bucyrus - Monigan 5W era un best seller per esportazione Ruston - Bucyrus, quindi hanno iniziato a costruirlo. Si trattava di una passerella mobile, sia con motore diesel che elettrico. .

L'era di RB International
Nel 1985 Ruston Bucyrus è stato acquistato dalla sua direzione e quindi ha rotto tutti i legami con Bucyrus - Erie dando vita alla "RB Lincoln", che è diventata RB International una sussidiaria della Lincoln Industries (parte di The Heather Corporation Ltd). Produzione di Ruston Bucyrus - modelli progettati per escavatori e gru dal 22RB al 71RB continuarono nel suo stabilimento di Lincoln con la versione 'migliorata gru dragline' anche offerta. Dal 1985 in poi tutte le nuove macchine portavano il nome di "RB" invece di "Ruston - Bucyrus" e nel 1987 un nuovo modello 51-60 alimentato meccanico / idraulico sviluppato dall'RB - 38 fu offerto come escavatore per gru o dragline. Nel 1990 la RB fu acquistata dalla Priestman rivale, i diritti di progettazione e produzione per gli escavatori idraulici a cavo ea distanza variabile di Priestman della sua vasta gamma di gru a benna. Nel 1992, la RB ha introdotto la sua serie CH di gru / gru di dragline completamente idrauliche con altri modelli che sono stati aggiunti nel 1990 Nel 1996 RB ha cambiato le mani in un management buy out, ma nel 2000 RB International è entrata nell'amministrazione volontaria come conseguenza del difficile ambiente di trading, includendo una sterlina forte e grazie alla forte concorrenza di concorrenti stranieri, ciò significava che non poteva più continuare senza un'iniezione significativa di capitale.

Il periodo della gru RB
Entrò in amministrazione il 3 luglio 2000 e dopo tentativi infruttuosi di vendere la società a Daniel E. Davis, ex presidente di Favelle Favco. RB International è stata poi venduta a Langley Holdings plc come un problema in corso il 22 dicembre 2000 e così è stata creata una nuova società "RB Cranes Ltd". Un giorno prima del 21 dicembre 2000, Langley Holdings plc aveva acquisito la divisione gestione materiali di Rolls-Royce PLC che divenne il gruppo Clarke Chapman che comprendeva Cowans Sheldon, RB Crane, Stothert & Pitt, Wellman Booth le sue principali filiali. Nel gennaio 2001, Clarke Chapman ha cessato la produzione nel Lincoln RB e la produzione è stata trasferita ai centri di Retford e Gainsborough. A seguito di una razionalizzazione della linea di prodotti RB dal 2008 RB ha continuato a offrire le gru cingolate idrauliche CH40, CH50, CH70, CH80, CH100, CH135 e CH135LJ, nonché specialista delle varianti per l'impiego in porto. RB offre anche CH E (Serie CH50E e CH70E) per dragline e applicazioni Grab Shell e CH HD (Heavy Duty) (Serie CH50D e CH70D) per l'adattamento per applicazioni di ingegneria su pali e fondazioni, ad esempio come installazione di palificazione. RB continua a offrire quattro modelli di escavatori idraulici a contrappeso variabile di lunga durata, l ', VC20-17, VC20-20 e VC20-22 e continua a offrire il VC20-15 RB Priestman che ha vinto il premio per le applicazioni di scavo e minerale di ferro Il 14 ottobre 2009, la società di gru RB è stata venduta da Langley Holdings plc a Delden CSE Limited, successivamente la società si è trasferita a Delden CSE a Selston, nel Nottinghamshire. La società continuerà a offrire l'intera gamma di macchine dall'escavatore RB Priestman VC e Priestman, oltre alla gamma di BE (Bucyrus - Erie) a 88B. Nel febbraio 2012, Delden CSE Limited ha acquisito NCK Crane NCK l'altro importante produttore britannico di gru e escavatori. Delden CSE Ltd noleggio gru continua noleggi gru prodotte da RB e NCK, così come altri produttori nel Regno Unito e in Irlan



Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
escavatore dragline
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: Passion! :: Camion :: USA Trucks-
Andare verso: